Home / Carmagnola / Grande viabilità, Gaveglio: “dobbiamo fare squadra”

Grande viabilità, Gaveglio: “dobbiamo fare squadra”

Il sindaco annuncia la firma della convenzione per costruire la Variante Est e chiede unità sul tema della grande viabilità.
“Per il controllo del traffico pesante stiamo valutando l’attivazione di varchi elettronici”.

L'incontro a Salsasio in cui si è parlato molto di grande viabilità a Carmagnola
L’incontro a Salsasio in cui si è parlato molto di grande viabilità a Carmagnola

I temi della grande viabilità di Carmagnola e del traffico pesante sono stati al centro dell’incontro con la popolazione che la Giunta comunale ha tenuto lunedì sera con i residenti di borgo Salsasio.

Il sindaco Ivana Gaveglio ha esordito con una novità legata alla realizzazione della Variante Est: “Tutti i soggetti coinvolti (Comune, Città Metropolitana di Torino, Regione Piemonte e Autostrada dei Fiori spa, ndr) hanno approvato la convezione e si può pertanto procedere alla firma. La Regione ha già messo a bilancio la sua parte di co-finanziamento e il resto è in capo all’Autostrada, che dovrà realizzare i lavori“.

La platea ha subito chiesto a gran voce anche il completamento del mezzo anello di circonvallazione (la cosiddetta “C rovesciata”), con la costruzione anche della Bretella Nord. “Altrimenti tutto il traffico arriverà su via Rubatto e, da lì, si riverserà su via Chieri e via Torino, peggiorando ancora la situazione della viabilità nel borgo“.

Gaveglio ha rassicurato che la Regione ha già dato indicazione all’Anas di inserire il tratto nord della tangenziale carmagnolese tra le opere prioritarie. “Ho anche scritto a Roma, dove l’opera è al vaglio della Commissione Trasporti: non voglio illudere nessuno, ma forse ora i tempi sono maturi -ha aggiunto il sindaco- Per questo mi appello a tutti, a partire dalle forze politiche cittadine, affinché si faccia squadra insieme per sollecitare la realizzazione in tempi brevi. Il nostro compito è far sentire anche il disagio del territorio ai livelli più alti“.

Il capogruppo Pd, Paolo Sibona, presente in sala, ha dichiarato di non volersi sottrarre all’invito ed essere disposto a collaborare.

E’ intervenuto anche l’ex sindaco Angelo Elia: “Sulla grande viabilità concordo che dobbiamo essere tutti uniti, ma l’Amministrazione non deve sottovalutare l’ordinanza anti-Tir: occorre farla rispettare, anche avvalendoci di nuove tecnologie. Queste pressioni valgono più di ogni firma e di ogni accordo“.

Sul tema della tecnologia, il sindaco Gaveglio ha annunciato che la Giunta si è attivata per l’attivazione di varchi elettronici agli ingressi di Carmagnola per il controllo dei veicoli in transito in città, a partire dai Tir. “Ovviamente, oltre alla parte tecnologica, serve anche l’apposita autorizzazione della Prefettura“.

La sala di Salsasio ha comunque espresso alcune critiche.
La prima legata ai tempi e al possibile insediamento della logistica Lidl a Santa Rita: “Aspettando il completamento della tangenziale, cosa facciamo nel frattempo? Non dimenticate che già ora sulle strade del nostro borgo passa di tutto, soprattutto traffico pesante -è intervenuto un partecipante alla serata- Inoltre siamo sicuro che tutti i camion che trasporteranno le merci LIDL prenderanno l’autostrada e non percorreranno via Chieri e via Torino?

Qualcuno è stato anche più drastico: “L’unica soluzione vera per risolvere il problema della grande viabilità a Carmagnola sarebbe lo spostamento, o la liberalizzazione, della barriera autostradale. Altro che sprecare terreno agricolo per costruire Bretelle e Varianti“.

Ivana Gaveglio ha chiuso la serata rilanciando l’appello a fare squadra: “Da quanto ho ascoltato stasera, sono contenta che si sia risvegliata una coscienza cittadina sul tema della grande viabilità. Se sento che ci siete, mi sento più forte anche io come sindaco“.
Ed è partito -forse unico della serata- l’applauso convinto della sala.

Leggi anche

Bretella Sud Carmagnola Variante Est

Variante Est: dal Ministero uno “stop” imprevisto?

Il Ministero delle Infrastrutture ha inviato una nota, individuando ragioni tecniche per cui non potrebbe …