Una firma per la sicurezza: Fratelli d’Italia raccoglie consensi per le videocamere in stazione

234

Lunga coda martedì 27 giugno alla stazione ferroviaria di Carmagnola; non in biglietteria, ma sulla piazza, davanti al gazebo di Fratelli d’Italia. La sezione carmagnolese ha organizzato nel pomeriggio una raccolta firme per l’installazione di videocamere nei pressi della stazione, una proposta per aumentare il livello di sicurezza di una zona delicata e frequentata. «L’idea di installare delle telecamere di sorveglianza si è rivelata essere condivisa da un gran numero di cittadini di Carmagnola», affermano i membri del partito, «in poco più di due ore è stato superato il tetto delle cento firme». Un successo che, a detta di FdI, nasce «dalla frustrazione che provano i pendolari e gli abitanti della zona nel vedere continuamente impunito chi contribuisce a rendere la stazione un posto insicuro e, a detta di molti, pericoloso nelle ore notturne. Questo ha spinto un gran numero di cittadini di Carmagnola a sposare la nostra battaglia nonostante non siano allineate ideologicamente al nostro partito». A provare quanto detto è l’iniziativa di alcuni commercianti della zona, che hanno deciso di aiutare il circolo di Fratelli d’Italia raccogliendo firme a loro volta nei locali. Presenti al gazebo anche il consigliere regionale Maurizio Marrone e Augusta Montaruli dell’esecutivo nazionale di FdI. I gazebo per la raccolta firme continueranno nel corso del prossimo mese.