In ricordo dell’ex internato Lorenzo Gastaldi

420

Riceviamo e pubblichiamo:

lorenzo gastaldiAll’età di 92 anni, ci ha lasciati Lorenzo Gastaldi, penultimo ex internato militare ancora presente a Villastellone. Partito come soldato di leva a 19 anni nel gennaio 1943, era stato destinato al II Battaglione Alpini Dronero Div. Cuneense, addestrato prima a Cuneo poi a Dronero. A inizio agosto 1943  il suo Battaglione venne inviato a  combattere al Brennero contro i tedeschi, nel frattempo divenuti nemici. Il battaglione, armato solo di fucili e qualche mitragliatrice, si trovò davanti i carri armati tedeschi e non fu in grado di fermarli. Gastaldi, insieme ai suoi commilitoni, venne  fatto  prigioniero e, il 9 settembre 1943, trasferito Germania, dove viene internato a Norimberga (Nürnberg) e destinato ai lavori forzati.

Qui rimase per due anni, mangiando anche radici di erbe e bucce di patata e facendo i lavori più faticosi da manovale e muratore: in particolare, contribuì a costruire una copertura in cemento armato spessa sette metri al di sopra di una fabbrica di cuscinetti a sfere. Tale industria, bombardata più volte dalle “fortezze volanti” americane, non fu mai danneggiata.

Nel giugno 1945 gli alleati americani arrivarono nel campo e liberarono i prigionieri: Gastaldi rientrò in Italia il 1 luglio e il 16 agosto il Distretto militare di Mondovì lo congedò. Tornò quindi alla sua vita normale, fatta di lavoro e fatica: prima come muratore e poi, per 33 anni, alla Fiat Presse a fare il battilastra e il saldatore. Intanto, trasferitosi a Villastellone dalla natia Sommariva Bosco, coltivava ortaggi nel suo orto e ogni pomeriggio nella bella stagione, attaccato alla bicicletta il carretto con qualche cassetta di verdura e patate,  andava a venderle sulla statale 393. Prodotti rigorosamente senza pesticidi né concimi chimici, e a “chilometri zero”. Se ne è andato in silenzio come è sempre vissuto, schivo e solitario, un uomo d’altri tempi, dedito solo al dovere  ma –proprio per questo- noi vogliamo ricordarlo.

Manuela Paladini