L’epopea di Elva in un documentario all’Elios

1189

Serata speciale martedì 26 marzo al cinema di Carmagnola con la proiezione de “Il Vallone, cuore di Elva”, di Giacomo Allinei. Interviene lo storico elvese Franco Baudino. Ingresso libero.

Elva Elios

Martedì 26 marzo è in programma una serata speciale al cinema Elios di Carmagnola, in piazza Verdi 4: alle ore 21 verrà infatti proiettato il docufilm “Il Vallone “cuore” di Elva”, dedicato al Comune montano cuneese. 
Prevista la presenza di Franco Baudino, poeta e memoria storica della comunità di Elva. Ingresso libero.

La strada Provinciale 104, nota come strada del vallone o orrido d’Elva, è un capolavoro d’ingegneria civile e un vero e proprio simbolo per gli abitanti del paese, posto a 1637 metri di quota sulle Alpi Cozie -spiegano gli organizzatori della serata all’EliosNove chilometri di carrozzabile, dodici gallerie, pareti a strapiombo e panorami mozzafiato. Ritenuta da alcuni una semplice tratta turistica, in realtà oggi come al tempo della sua realizzazione la strada è un’infrastruttura necessaria e indispensabile per gli elvesi, altrimenti costretti al transito attraverso la più lunga (17 km) e non meno impervia SP 335 del Colle della Cavallina via San Martino di Stroppo“. 

Fu Alessandro Claro, oste di Borgata Reynaud, a dare slancio all’impresa, quando -alla sua morte, nel 1880- lasciò al Comune di Elva un’eredità destinata alla costruzione della strada del Vallone.
Venne dapprima aperto uno stretto e pericoloso sentiero, e molte famiglie del paese si autofinanziarono per contribuire all’impresa. Nel 1891 lo stesso Giovanni Giolitti sostenne la prosecuzione dei lavori per rendere il percorso carrozzabile, e l’opera fu conclusa nel 1956. 

Su questa strada è transitato il Giro d’Italia, migliaia di turisti l’hanno scelta per la sua spettacolarità, e soprattutto gli elvesi l’hanno percorsa quotidianamente. 
Purtroppo nel 2014 una frana ne ha compromesso la viabilità e da allora, per ordinanza della Provincia di Cuneo, la strada è chiusa al traffico: tuttavia la popolazione elvese ha costituito un Comitato affinché la strada torni presto nuovamente percorribile. Nel 2015 gli elvesi hanno messo in atto una campagna promozionale affinché la strada entrasse a far parte dei “Luoghi del Cuore” promossi dal FAI, raccogliendo circa 3000 firme: anche quest’anno si raccoglieranno di nuovo le firme e si potrà votare“.

La lunga e travagliata vicenda del Vallone è stata illustrata e portata all’attenzione del pubblico grazie al documentario che sarà proiettato martedì sera. Un progetto di Franco Baudino, girato da Giacomo Allinei, di Prazzo, già autore di altri racconti per immagini dedicati alla Val Maira.