Arte tipografica carmagnolese: il “Rondani” ne parla online

538

Il museo tipografico “Rondani” di Carmagnola ha lanciato una rubrica online dedicata all’arte tipografica carmagnolese.

arte tipografica carmagnolese
Un “Ecce Homo” del Cinquecento, la prima testimonianza certa dell’arte tipografica carmagnolese

Il museo tipografico “Rondani” di Carmagnola -anch’esso chiuso per via delle norme contro la diffusione del contagio da Coronavirus– ha lanciato una rubrica online dedicata all’arte tipografica carmagnolese.

Sulla propria pagina Facebook, infatti, il museo intende pubblicare curiosità e aneddoti sulle proprie collezioni e sulla storia della Tipografia in città e sul territorio “per tenere compagnia finché non sarà possibile accogliere di nuovo di persona i visitatori”.

L’iniziativa, ribattezzata “#iorestoacasa …ma scopro il mio territorio!”, è iniziata nei giorni scorsi con la pubblicazione online della foto della prima traccia certa di un’attività di stampa a Carmagnola.

Non si tratta di un libro, ma è un’incisione -spiegano dal museo tipografico Rondani- Si tratta di un Ecce Homo che reca l’iscrizione «Ieronimus Texis faciebat Carmagnolie» e la data 1561, oggi conservato all’interno della Biblioteca Reale di Torino. Nel suo genere, si tratta di un’opera davvero importante, probabilmente la più antica incisione su rame di provenienza piemontese!“.