Cambiano: uno spettacolo in ricordo delle vittime innocenti delle mafie

434

Martedì 21 marzo, alle ore 21, a Cambiano è in programma uno spettacolo teatrale per celebrare la Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

Spettacolo teatrale in scena al teatro comunale di Cambiano

Ogni anno il 21 marzo si celebra la Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie: in occasione di questa ricorrenza, il teatro comunale di Cambiano propone lo spettacolo “Lacrime mute. Storie di donne contro la mafia”, messo in scena dalla compagnia teatrale Divago, formata nel 2011 e nata dall’unione di diverse esperienze teatrali maturate da ciascuno dei suoi membri nel corso degli anni.

Questa trama dello spettacolo, con testo e regia di Marianna Musacchio e Benedetta Perego: “In un’afosa Palermo senza tempo ha luogo una mostra fotografica di Letizia Battaglia. Nessuno, però, si presenta all’evento, e la fotografa si trova a interloquire con la donna che sta pulendo la sala, Rosa Balistreri. Le due donne si confrontano sulla loro città, sull’arte, sulla vita e sulla mafia. Una Letizia stanca e demotivata annuncia di voler lasciare la Sicilia. Nello svolgersi degli eventi, per ogni giustificazione che Letizia si dà per lasciare la città, assistiamo a un incontro: sono momenti ancora senza tempo e senza luogo, durante i quali la fotografa si confronta con le storie e i racconti personali di donne straordinarie che prima e dopo di lei hanno lottato, ognuna a suo modo contro la mafia. Ogni incontro è accompagnato dalla chitarra e dalla voce di Rosa che, con il suo ruvido canto, le sostiene tutte. Letizia incontra così Emanuela Loi, Felicia Impastato, Rita Atria, e grazie a ognuna delle loro testimonianze ritrova pian piano forza”. 

L’ingresso all’evento è gratuito ed è possibile prenotare online su questo sito. Per avere maggiori informazioni contattare l’indirizzo email info@teatrocambiano.com o il numero 011-2476388.

Carmagnola si schiera contro le mafie, ricordando le vittime innocenti