Giovedì sotto le Stelle a Carmagnola, ancora divieti per le bevande da asporto in vetro

107

Per tutti gli appuntamenti dei “Giovedì sotto le Stelle” 2022, il sindaco di Carmagnola ha ordinato il divieto di vendita per asporto di bevande in contenitori in vetro.

divieto bevande vetro carmagnola
Il giovedì sera dalle 19 alle 4, fino al 4 agosto compreso, a Carmagnola è in vigore il divieto di vendita di bevande in contenitori di vetro (bottiglie, bicchieri, ecc.) per l’asporto

Come già avvenuto per i precedenti appuntamenti, inclusa la Notte Bianca di sabato scorso a Salsasio, prosegue a Carmagnola il divieto di vendita di bevande in contenitori di vetro, se destinate all’asporto.

Lo ha stabilito il sindaco, Ivana Gaveglio, seguendo le indicazioni del Capo della Polizia e dei Vigili del Fuoco, nonché le direttive del Ministero dell’Interno.

Siccome questi appuntamenti richiamano in città molte persone, si è valutato necessario, a tutela della pubblica incolumità, che nelle aree di maggior assembramento di persone ed in particolare nelle aree interessate dalla manifestazione, non vengano utilizzate per asporto bottiglie, bicchieri e ogni altro contenitore in vetro, in modo da evitare che possano trasformarsi in oggetti pericolosi, anche a causa dell’abbandono sconsiderato da parte degli avventori“.

Guerra dei decibel a Carmagnola, il Comune interviene sul tema-rumore

L’ordinanza si applica a tutte le serate dei “Giovedì sotto le stelle“, fino al 4 agosto 2022 compreso, dalle ore 19 alle 4 del mattino successivo, nell’intero centro storico. Tutti gli organi della forza pubblica sono incaricati di fare osservare il divieto.

La consumazione in contenitori di vetro può avvenire esclusivamente all’interno degli esercizi pubblici e all’esterno degli stessi, nelle aree in concessione (dehor, ndr) ed esclusivamente con servizio al tavolo, si legge nel provvedimento.

I titolari di esercizi di attività di somministrazione di alimenti e bevande -anche quelli in forma itinerante- devono informare del divieto anche con apposita cartellonistica. Le violazioni, salvo che non costituiscano più grave reato, sono punite con una multa da 15 a 500 euro.

Guerra dei decibel a Carmagnola, il Comune interviene sul tema-rumore