L’8 dicembre Carmagnola si inchina a Maria Immacolata

65

immacolataNella solennità dell’Immacolata Concezione, l’8 dicembre tutta la Comunità cattolica di Carmagnola si raccoglie intorno alla sua santa Patrona e protettrice.

Epicentro delle celebrazioni è la parrocchia Collegiata Ss. Pietro e Paolo, dove sono previste messe alle ore 8; 9; 10,15; 12,30 e 18. La messa delle 10,15, in particolare, sarà presieduta dall’arciprete don Giancarlo insieme al salesiano don Luigi Testa. Al termine partirà la processione solenne per le vie cittadine, secondo questo percorso: piazza Verdi, via Valobra, piazza Martiri, corso Matteotti, piazza XXX aprile / stazione ferroviaria (con scoprimento della lapide nel 200esimo della nascita di san Giovanni Bosco), via Valfrè, via san Giovanni Bosco, via Fratelli Vercelli, via Dante, viale Garibaldi, via Bobba, piazza Mazzini,  Comune, corso Sacchirone, piazza Verdi e rientro in Collegiata.

Nel pomeriggio, in chiesa dalle 15,30 alle 17,30, a piccoli gruppi, è quindi prevista la benedizione dei bambini più piccoli. Sempre per i giovani, inoltre, si terrà una piccola processione interna alla Collegiata la domenica successiva, il 13 dicembre, con la statua dell’Immacolata portata dai neo-diciottenni (classe 1997) nell’ambito della messa delle 10,15. Al termine, la statua della Vergine verrà riposta nella sua nicchia.

In occasione dell’Immacolata, come da tradizione, è anche previsto un “Dono” alla Comunità dei fedeli, che quest’anno consiste nel nuovo progetto di illuminazione interna della Collegiata, sia nelle tre navate centrale che nelle cappelle. «Vogliamo installare un impianto illuminotecnico a led, quindi a basso consumo, per valorizzare tutti gli spazio e i tesori artistici della nostra chiesa –spiega don Giancarlo Avataneo- Già ora i globi di illuminazione base e le circa 250 lampadine a tortiglioni dei lustri e dei lampadari sono a basso consumo, con una resa luminosa molto bella. Vogliamo completare l’opera in tutta la Collegiata; una parte del nuovo impianto sarà peraltro già visibile, in prova, nella navata della Madonna del Rosario».

Piergiorgio Sola