Moretta: dopo sette anni si conclude la vicenda dell’eredità Tibaldo

26

L’Amministrazione di Moretta ha raggiunto un accordo sull’eredità con la figlia della defunta signora Tibaldo, che aveva disposto, da testamento, la cessione dei propri beni al Comune.

moretta eredità tibaldo
La signora Tibaldo ha disposto, da testamento, di lasciare i propri beni in eredità alla casa di riposo Villa Loreto di Moretta e, in parti minori, alla parrocchia e al santuario della Beata Vergine del Pilone

Si chiude, dopo sette anni di carte bollate e sentenze, la vicenda dell’eredità Tibaldo: grazie a un accordo transattivo, i beni della defunta signora verranno suddivisi, in parti uguali, tra il Comune di Moretta e l’unica figlia dell’anziana.

La vicenda risale infatti al 2014, quando venne letto il testamento olografo della signora Tibaldo, che disponeva la cessione dei suoi beni alla casa di riposo Villa Loreto (quindi al Comune, proprietario della struttura) e, in parti minori, alla parrocchia e al santuario della Beata Vergine del Pilone. Il patrimonio della Tibaldo ammontava a poco più di 150 mila euro, comprensivi di una serie di depositi bancari e una polizza sulla vita.

Il Comune non ha però potuto incassare la somma, a causa del ricorso presentato dall’unica figlia dell’anziana. Una prima sentenza del tribunale aveva riconosciuto la validità del testamento, ma, al contempo, anche la legittimità dell’unica erede, senza peraltro stabilire criteri e misure per la suddivisione dei beni testamentari. La vicenda si è quindi trascinata per alcuni anni e, a causa dell’emergenza sanitaria, la sentenza d’appello è slittata più volte, per essere quindi fissata all’autunno prossimo.

Questa storia sembrava non avere fine e ho avuto la percezione, da un incontro avuto con le parti, dell’assoluta mancanza di dialogo tra il nostro avvocato e la controparte -spiega il sindaco di Moretta, Gianni Gatti- Per salvaguardare i beni destinati al Comune, anche in virtù della sentenza che riconosceva la figlia come erede legittima, ho deciso di cambiare avvocato. Con il nuovo legale siamo giunti a un accordo transattivo prima della sentenza d’appello, chiudendo così la vicenda”.

L’eredità Tibaldo è stata quindi suddivisa tra le parti: il Comune incasserà 90 mila euro dalla polizza vita della signora Tibaldo, mentre 82 mila euro del conto personale della defunta andranno alla figlia. La differenza sarà compensata dagli interessi sulla polizza, che ammontano oggi a 12 mila euro, in modo che ogni parte in causa arrivi ad ottenere la stessa cifra.

Sono felice che la vicenda giunga a conclusione, anche se non concordo sul
metodocommenta Carlo Cortassa, esponente della minoranza e assessore nella passata legislatura- Il Comune si era vista riconosciuta la legittimità del testamento nella prima sentenza, quindi non sono favorevole alla scelta della stipula di un accordo
transattivo. Il Comune poteva ottenere di più.

Non tarda ad arrivare la replica del sindaco Gianni Gatti: Abbiamo scelto una strada per chiudere questa storia che si trascina da anni e che, come ho potuto verificare, era arrivata ad un muro contro muro. Avremmo potuto ottenere di più? Non credo. Contestualmente c’era il rischio anche di perdere più di quello che abbiamo ottenuto“.