Moretta: intervista di inizio anno con il sindaco Gianni Gatti

255

Il sindaco di Moretta Gianni Gatti fa un bilancio dell’anno appena trascorso e racconta i progetti per il 2024.

Moretta Gianni Gatti
Il sindaco di Moretta Gianni Gatti a Cascina San Giovanni per gli auguri di Natale alla cittadinanza

Il cambio d’anno rappresenta, come naturale, il periodo in cui tirare le somme di quanto fatto, e inserire in agenda quanto in programma per l’anno che si apre: tempo di bilanci dunque anche per il Comune di Moretta e per il sindaco Gianni Gatti.

Sindaco, quali sono stati i principali interventi sul fronte delle opere pubbliche
dell’anno appena concluso?

«Abbiamo messo la scuola al centro, con una serie di interventi che hanno riguardato principalmente l’efficienza energetica e l’adeguamento sismico, ma anche altri lavori di miglioramento strutturale. C’è poi stata la conclusione dei lavori del primo lotto al cimitero comunale, con i nuovi loculi, l’importante intervento di riqualificazione in piazza Umberto I e in via Bollati, che ha permesso di abbattere una serie di barriere architettoniche e migliorare, esteticamente e funzionalmente, l’accesso pedonale a piazza Vouneuil sous Biard».

Anche Cascina San Giovanni è stata oggetto di un paio di importanti interventi.

«Sì, il primo ha riguardato l’interno del salone, con la posa di pannelli fonoassorbenti, indispensabili per il miglioramento dell’acustica; il secondo è stato l’acquisizione di un terreno a ridosso del complesso, che ha permesso di ampliare gli spazi a disposizione delle auto in occasione di eventi e incontri a Cascina San Giovanni».

A Moretta la mostra della ritrattista Raffaella Giaime

Restando sul cantiere del centro cittadino, c’è in progetto un secondo lotto?

«L’obiettivo è di proseguire la sistemazione del quadrilatero che circonda il municipio. La piazzetta alle spalle del Comune necessita un intervento e un abbellimento. Diventerà piazza David Rizzio».

Un nome che si è sentito spesso a Moretta in questi ultimi tempi…

«Ho sempre cercato di dare il giusto peso alle iniziative sociali, culturali e turistiche, che fanno comunità e molte volte sono un volano anche per l’economia del paese. Rizzio è stata una piacevole scoperta, che ci ha portato lontano. Non solo in senso geografico, con i due inviti ricevuti dalla Scozia, ma anche in senso metaforico. Ha proiettato il paese in una dimensione culturalmente diversa, guardando oltre i soliti confini locali. Lo stesso è accaduto con la mostra predisposta per la rievocazione storica su Napoleone a Bard, ma anche con altri eventi. I concerti di Mirko Casadei o Uto Ughi sono momenti che resteranno nei ricordi di chi ha partecipato; la creazione di una De.Co per la menta e il cappone (su cui abbiamo presentato anche un documentario), la crescita di Agenform con la vittoria del bando per la costruzione del nuovo caseificio, l’ideazione della festa della trebbiatura, che vogliamo far crescere, sono piccoli passi di un unico percorso che va in quella direzione».

Parliamo di Villa Loreto?

«Volentieri; la casa di riposo, dopo gli anni difficili della pandemia, è tornata a lavorare a pieno regime. I posti disponibili sono pressoché al completo, il bilancio è sano, e la collaborazione con il Comune è ottima. Stiamo predisponendo inoltre i progetti per partecipare a un importante bando che riguarderà l’efficientamento energetico. Siamo fiduciosi e speriamo di raggiungere il risultato atteso».

Moretta: un finanziamento europeo per l’istituto caseario Agenform

Saranno aperti nuovi cantieri in paese nei prossimi mesi che separano Moretta
dalle prossime elezioni amministrative?

«Partirà il secondo lotto al cimitero, già appaltato, con altri 120 loculi e in primavera ripartiremo con una serie di asfaltature. Entro la primavera saranno rifatti anche i bagni della caserma dei carabinieri, di proprietà comunale, un intervento da 40 mila euro. Va avanti anche l’iter per ottenere un contributo per la sistemazione del tetto del municipio».

Sul fronte degli appuntamenti c’è qualcosa che bolle in pentola?
«Mostre e incontri letterari sono sempre più frequenti e aumenteranno ancora, ma mi piace anticipare che avremo un evento dedicato agli antichi mestieri e in particolare all’ebanista Tullio Chiavazza. Oltre ai consueti appuntamenti che, grazie alla collaborazione con Pro Loco e commercianti, vengono riproposti ogni anno».

In sintesi che voto darebbe al 2023?
«Non sono io a dover dare un voto ma, assieme all’Amministrazione, sono felice che abbiamo potuto lavorare a pieno ritmo un anno intero, dopo gli anni difficili segnati dalla pandemia, che hanno frenato, inevitabilmente, l’azione comunale. Ci restano sei mesi prima di tornare alle elezioni, ma se guardiamo quanto ci eravamo prefissati con il programma elettorale, vedo che gli obiettivi sono stati raggiunti. Questo non ci autorizza, ovviamente, a rallentare, ma è anzi uno stimolo a dare ancora di più».

Il vice console argentino Italo Juan Cassina in visita a Moretta