Nicco: “ospedale unico, pietra tombale su Moncalieri”

1311

Il consigliere regionale Davide Nicco (FdI) commenta la perizia sul futuro ospedale unico: “conferma che l’area individuata è esondabile”.

nicco ospedale unico perizia
Il consigliere regionale Davide Nicco (FdI) commenta la perizia del Politecnico sull’ospedale unico a Moncalieri

Ora c’è anche la perizia del Politecnico a certificare quello che in realtà tutti sapevano, ovvero che l’area di Moncalieri ipotizzata per costruire l’ospedale unico è rischio di esondazione, e soprattutto lo sono le sue strade di accesso“: così il consigliere regionale Davide Nicco (FdI), ex sindaco di Villastellone, commenta i risultati dello studio commissionato dalla Regione.

In una area verde a rischio esondazione come questa, si può tranquillamente continuare a coltivare il mais, ma sicuramente non è possibile costruirvi un ospedale, se non accollandosi il rischio di alluvioni alla struttura, di alluvioni e impercorribilità delle strade di accesso e, soprattutto, spendendo molti più soldi pubblici per tentare mitigare i rischi idrogeologici, che continuerebbero comunque ad essere sempre ben presenti“, scrive Nicco su Facebook.

Ospedale unico Asl TO5, consegnata la perizia sull’area Vadò

Il consigliere regionale rilancia quindi l’ipotesi di individuare un’alternativa al sito moncalierese, già richiesta a gran voce da anni, soprattutto dai Comuni dell’area di Carmagnola: “E’ evidente che un Ente pubblico non può correre questi rischi (troppo spesso in passato è stato fatto e i risultati purtroppo si vedono) e quindi credo proprio che la Regione dovrà verificare con urgenza la presenza di altre zone alternative non esondabili, più sane e baricentriche su cui costruire l’ospedale unico dell’Asl TO5, come del resto deliberato dal Consiglio regionale un paio di mesi fa”.

Conclude Nicco: “Possiamo dire ora che bene ha fatto l’assessore Icardi a chiedere una perizia risolutiva sull’esondabilità della zona, in modo da non commettere l’errore di costruire un edificio pubblico in zone a rischio idrogeologico, operazione che una pubblica amministrazione e un buon assessore non possono fare, specialmente quando esistono alternative più valide“.

Ospedale unico Asl TO5, la Regione chiede nuove verifiche