Racconigi: l’Amministrazione comunale esprime solidarietà agli agricoltori

151

In questi ultimi giorni gli agricoltori di tutta Europa stanno protestando per denunciare le loro ostili condizioni di lavoro: l’Amministrazione comunale di Racconigi si esprime sulla questione. 

Le proteste si stanno svolgendo in tutta Europa

L’Amministrazione comunale di Racconigi esprime solidarietà agli agricoltori, che stanno protestando in tutta Europa per le loro condizioni di lavoro: “In questi ultimi anni il mondo dell’agricoltura si è trovato costretto ad affrontare molteplici disagi dovuti ai cambiamenti climatici, politiche agricole e commerciali opprimenti e pressioni economiche che minacciano le attività dei lavoratori. Le proteste sono il risultato tangibile di decenni di frustrazioni accumulate dagli agricoltori che si sentono trascurati e incompresi. Lo scopo è proprio quello di lanciare un appello urgente a riconsiderare il futuro di questo settore e della sostenibilità ambientale.

Domani a Racconigi la consegna della Costituzione ai neo maggiorenni

Prende posizione il consigliere delegato all’agricoltura di Racconigi, Giuseppe Bonetto: “Se a livello europeo l’agricoltura vale circa il 2% del PIL a Racconigi la percentuale è senza dubbio molto più importante. Siamo dunque vicini, come Amministrazione, alla loro preoccupazione e al loro grido di allarme, e sosteniamo gli agricoltori nel loro appello per un dialogo più aperto con le istituzioni. La redditività delle aziende agricole è cruciale non solo per la stabilità economica degli agricoltori stessi, ma anche per garantire una fornitura alimentare sicura e sostenibile per tutta la popolazione. La sicurezza alimentare, inoltre, è e deve rimanere, una priorità fondamentale nelle politiche locali, nazionali ed europee. La creazione di politiche agricole che riflettano le reali sfide e le esigenze del settore è essenziale per garantire la prosperità a lungo termine delle comunità agricole e di tutti noi”. 

Sulla questione interviene anche il sindaco Valerio Oderda: “Oltre alle preoccupazioni economiche, la protesta degli agricoltori è un richiamo all’attenzione sulla necessità di pratiche sostenibili, tanto agricole quanto civili. Già dalla passata legislatura abbiamo dimostrato, con molte azioni concrete – e molte altre ancora sono in fase di studio proprio in questi mesi – come per noi la tutela dell’ambiente debba essere un impegno collettivo, e gli agricoltori possono svolgere un ruolo chiave nell’adozione di pratiche rispettose dell’ambiente e nella mitigazione degli impatti dei cambiamenti climatici. La nostra solidarietà con la protesta degli agricoltori non è quindi solo un doveroso gesto istituzionale, ma un appello all’azione per costruire un sistema alimentare ed ambientale più equo, sostenibile e resiliente. Abbiamo bisogno di una Europa dei popoli, quella della finanza e delle corporazioni ha ormai fatto il suo tempo”.

Racconigi ha aderito al progetto “Fieramente in Piemonte”