Sgominata una banda internazionale di presunti falsari

101

Un blitz che ha portato al sequestro di circa 5000 confezioni di profumi di note marche, alla vista perfettamente identiche agli originali, ha permesso di identificare una banda internazionale di presunti falsari.

blitz falsariL’operazione ha visto protagonista il nucleo di Polizia Giudiziaria di Carmagnola, facente parte della Polizia Municipale guidata dal comandante Pierangelo Prelato e coordinato operativamente dal vice-comandante Marcello Tedesco.

Le indagini, iniziate a maggio dopo un controllo di routine ad un mercatino dove era stata sequestrata della merce contraffatta, hanno portato alla scoperta di profumi griffati venduti a prezzi molto inferiori a quelli di mercato. Gli agenti, insospettiti, hanno quindi incominciato un paziente e complesso lavoro in sordina che, allargandosi a macchia d’olio, si è intrecciato con altri Comuni arrivando sino a Torino e coinvolgendo addirittura fabbriche all’estero.

«In questi casi la difficoltà primaria è data dal coordinamento dei vari organi coinvolti: per questo un plauso va alla Procura di Asti, puntuale e operativa, da cui sono dipese le indagini», sottolinea il comandante Prelato. Decisivo è stato proprio il gioco di squadra tra le varie unità locali e le Polizie di altri Comuni, tra cui quella di Torino. «Un ringraziamento va, inoltre, ai vari nuclei specializzati, come l’Antisofisticazione che ha compiuto le analisi comparate dei prodotti, e ai tecnici delle aziende che sono state falsificate, dai quali gli agenti hanno appreso le tecniche di riconoscimento dell’originalità dei vari profumi» aggiunge Tedesco. Non è da escludersi che, dopo il maxi-sequestro, l’indagine prosegua su fronti, scoperti in corso d’opera.

Riccardo Borelli