Vigilanza privata a supporto di vigili e carabinieri nelle ore notturne

177

Via libera della Giunta Gaveglio a un progetto sperimentale di 12 mesi che prevede l’affiancamento da parte di agenzie di vigilanza privata alle Forze dell’Ordine, con compiti di osservazione e monitoraggio degli edifici comunali e del territorio. Il servizio sarà svolto innanzitutto nei borghi e nelle frazioni carmagnolesi.

 

vigilanza privataApprovato dalla Giunta Gaveglio un servizio sperimentale di vigilanza privata per le ore notturne e per i festivi, rivolto soprattutto alle frazioni di Carmagnola.
Sarà effettuato da Agenzie in possesso di idonea licenza prefettizia allo svolgimento di attività di vigilanza armata, in affiancamento alle Forze dell’Ordine già attive in città, vigili urbani e carabinieri, i cui rispettivi organici sono sotto-dimensionati e non permettono quindi di garantire l’adeguata copertura del territorio.

I “vigilantes” si occuperanno di tenere d’occhio i principali edifici e beni del Comune, in accordo con il Comando di Polizia locale, dalle 22 alle 6 tutti i giorni della settimana.
In particolare, l’Amministrazione ha individuato alcune strutture prioritarie: il nuovo centro per i servizi di Piazza Italia; il parco di Cascina Vigna; il campo sportivo di Salsasio; i centri di incontro di San Michele, San Giovanni, Motta e Tuninetti; le scuole di Vallongo, Casanova e Cavalleri.
Il servizio di vigilanza notturna servirà a custodire e preservare gli stessi, oltre ai beni in essi contenuti, da furti o danneggiamenti –spiegano da Palazzo- I privati dovranno essere dotati di una propria Centrale operativa e potranno effettuare eventuali azioni di pronto intervento, con ispezione interna“.

Inoltre, i metronotte supporteranno le forze dell’ordine nella prevenzione dei reati, svolgendo un monitoraggio mobile sul territorio con compiti di osservazione per l’acquisizione di informazioni utili per la Polizia locale, e saranno chiamati anche mettersi a disposizione per prestare la propria opera a richiesta degli agenti di Polizia giudiziaria e di pubblica sicurezza.
I responsabili della vigilanza privata dovranno quindi fornire al Comune un tabulato riepilogativo delle ispezioni effettuate, con la specifica del giorno, dell’ora e delle località monitorate.

La sperimentazione sarà avviata già nelle prossime settimane -con l’avvio del periodo pre-natalizio- e durerà per 12 mesi, al costo stimato di circa 6.000 euro.
L’Amministrazione si riserva di variare il servizio, anche aumentando o diminuendo la copertura, in relazione a future esigenze organizzative o istituzionali. Le attività saranno coordinate dal comandante dei vigili urbani, Donatella Creuso.
Vogliamo rafforzare la sicurezza sul territorio comunale, con un’azione deterrente verso i reati contro il patrimonio e le persone -commentano dalla Giunta- Si tratta di un servizio innovativo, che potenzia il monitoraggio e il controllo del territorio comunale nelle ore notturne e festive“.