Un progetto da 1 milione di euro per 130 telecamere in città

140

Il Comune ha presentato un progetto al Ministero dell’Interno per una completa video-sorveglianza del territorio, con 130 telecamere, dal valore di circa 1 milione di euro.

Telecamere videosorveglianza (foto non rappresentativa del progetto)Una rete di oltre cento telecamere in tutta la città, borghi e frazioni comprese, per garantire sicurezza a 360 gradi: dalla viabilità stradale al contrasto di furti, rapine e vandalismi.

Questo il progetto che il Comune di Carmagnola ha presentato in risposta a un bando del Ministero degli Interni, dopo aver sottoscritto il “Patto dei Sindaci” con la Prefettura.
Un intervento complessivo dal valore di circa un milione di euro, di cui 250 mila garantiti dalle casse comunali. La risposta da Roma per la copertura economica della restante parte dovrebbe arrivare entro gennaio.

«In ogni caso, le nostre risorse ci permettono già di garantire l’avvio del progetto, creando la struttura e installando le prime telecamere-commenta il sindaco Ivana Gaveglio- Poi, qualora dovesse arrivare il finanziamento dal Ministero, avremmo un sistema all’avanguardia per il controllo del nostro territorio».

La rete di video-sorveglianza è stata studiata su 130 punti di ripresa, utilizzando le più moderne tecnologie e coprendo in modo capillare il territorio, a partire dalle aree “sensibili” e da tutti i punti di accesso alla città.

«Saremmo in grado di vedere da dove è entrato e da dove è uscito ciascun veicolo in transito a Carmagnola -aggiunge Donatella Creuso, da giugno al comando della Polizia locale cittadina e attivamente coinvolta nella fase di progettazione esecutiva del nuovo sistema di telecamere- Alla rete, inoltre, potrebbero collegarsi anche le telecamere private, a patto che rispettino i requisiti previsti, aumentando ulteriormente il numero di “occhi” sul territorio. Un sistema analogo è già in sperimentazione al Comando dei vigili urbani di Torino, con cui ci siamo confrontati prima di presentare il progetto» .

L’Amministrazione comunale conta di rendere operativa la nuova rete di video-sorveglianza entro il 2019.