Antonietta Sau si presenta a Il Carmagnolese: «La mia una sfida, pronta al dialogo e al confronto»

125

Si è presentata alla redazione de Il Carmagnolese sabato 15 luglio la neo assessore al Personale Antonietta Sau. Nata e cresciuta a Carmagnola, 44 anni, sposata con Nando, mamma di due figlie e analista all’ufficio contabilità dell’istituto superiore Baldessano-Roccati, dove ha già collaborato con Ivana Gaveglio quando l’attuale sindaco era vicepreside scolastico.
L’assessore Sau era stata candidata per Forza Italia durante le elezioni comunali del 2016 e per lei si tratta della prima esperienza di politica attiva. «Quando Ivana Gaveglio mi ha chiesto di collaborare con la giunta ho accettato la sfida. Mi piace mettermi in gioco e farò il mio dovere al massimo assumendomi le responsabilità dell’incarico».
In questi giorni Antonietta Sau ha già conosciuto i suoi collaboratori: «Ho partecipato alle prime riunioni, dove ho incontrato un gruppo compatto. Ho visto tutti molto impegnati e tante problematiche da affrontare».
La delega riservatale è all’organizzazione del personale, incarico che eredita dopo la riorganizzazione delle ripartizioni decisa di recente dall’amministrazione Gaveglio: «Servirà del tempo per adattarsi alla riforma; da parte mia posso dire che la mia parola chiave sarà dialogare, confrontandomi con chi vive giorno per giorno il lavoro all’interno della macchina comunale. In questi mesi dovrò capirne i meccanismi, anche se presenta molti parallelismi con l’ambiente scolastico che ben conosco».
Suo il compito di garantire equità tra tutti i 133 dipendenti comunali, suddivisi in 9 ripartizioni: «Ascolterò ciascuno, poi esprimerò i primi giudizi. Sono convinta che dietro i numeri ci siano sempre delle persone, per cui è importante affrontare i casi singolarmente e dare sempre risposte senza lasciare questioni in sospeso».
Sull’opposizione infine Antonietta Sau commenta: «Sono aperta al dialogo e al confronto, in caso di buone proposte. È una sfida: sono certa che in breve potrò crescere e dare il mio contributo per Carmagnola».