Nel Roero una campagna contro littering e abbandoni di rifiuti

208

Il Consorzio Coabser e la Società STR lanciano una campagna di sensibilizzazione contro littering e abbandoni di rifiuti nel Roero e nelle Langhe.

littering abbandoni rifiuti langhe roero
“Non completarlo” è la campagna contro littering e abbandono di rifiuti nelle Langhe e nel Roero, realizzata da Coabser e STR

Il Consorzio rifiuti Coabser, insieme alla Società partecipata STR, promuove, per tutto il mese di aprile nel territorio del Roero e delle Langhe, un’importante campagna contro gli abbandoni di rifiuti e di sensibilizzazione sul littering.

L’attività di comunicazione è curata dall’Associazione culturale Ambiente in Circolo di Torino, che si è avvalsa della creatività dello Studio Bovero, del carignanese Dario Bovero e del supporto di Altrov*e.

Al centro, un messaggio di forte impatto, rivolto a tutti. Lo slogan “Non completarlo” è infatti accompagnato dall’immagine di un puzzle, ancora da terminare, i cui tasselli vanno a comporre due fotografie, entrambe rappresentative di situazioni negative attinenti al tema della campagna.

A Ceresole d’Alba il nuovo Ecosportello rifiuti del Coabser

Nella prima -che mira in generale ad attirare l’attenzione sul fenomeno del littering (l’abbandono di piccoli e piccolissimi rifiuti)- si vede una mascherina chirurgica che è stata gettata a terra su una strada asfaltata.
Il riferimento, diretto ed efficace, è a una pratica che si sta purtroppo registrando con frequenza nel corso dell’ultimo anno: l’inquinamento delle aree, urbane e non, con dispositivi di protezione individuale usati.

L’esempio scelto, di stringente attualità, vuole essere comunque rappresentativo di un’ampia gamma di oggetti che, quotidianamente, vanno a sporcare paesi e città: mozziconi di sigarette, scontrini, chewing gum, fazzoletti di carta usa-e-getta ma anche rifiuti di dimensioni maggiori, come bottiglie, lattine o involucri di alimenti.

Mascherine sanitarie, come arginare questa nuova fonte di inquinamento?

Anche la seconda fotografia punta a mettere in luce un altro aspetto legato alla tutela del territorio: la prevenzione del fenomeno delle discariche abusive, che spesso si vengono a creare in seguito all’abbandono di quantità anche piccole di rifiuti (qualche sacchetto) ma che contribuiscono in modo drammatico al degrado dell’ambiente e del paesaggio.

Slogan e immagini sono accompagnate da un pay off, uguale per entrambi i visual, che va a rafforzare il messaggio visivo, rendendolo esplicito a tutti: “Il territorio è prezioso. Non abbandonare i rifiuti”.

La campagna di comunicazione e sensibilizzazione viene declinata su diversi mezzi: manifesti 6×3 metri e affissioni dinamiche; totem roll up presso gli eco-sportelli gestiti da STR; manifesti 70×100 cm in tutti i Comuni del Consorzio e materiali digitali, dedicati innanzitutto alla pubblicazione sui siti web istituzionali e sui profili social delle Istituzioni territoriali.

«Abbiamo investito in questa azione di sensibilizzazione perché siamo convinti che la battaglia contro il littering e gli abbandoni di rifiuti si vinca innanzitutto a livello culturale -spiega Giuseppe Dacomo, presidente del CoabserÈ importante che ciascuno sia consapevole del fatto che ogni piccolo gesto va a contribuire a un problema più grande, le cui ripercussioni sono dirette sulla vita di tutti noi, danneggiando i luoghi in cui viviamo e abbassando la qualità della vita».

Littering e rifiuti abbandonati, una campagna nelle Langhe e nel Roero per contrastare questi fenomeni