Città metropolitana di Torino cerca 15 giovani per il Servizio Civile Digitale

233

Fino al 30 settembre è possibile partecipare al bando di Città metropolitana di Torino per la selezione di 15 giovani da impiegare in quattro progetti di Servizio Civile Digitale. Coinvolte anche Carmagnola, Cambiano, Santena e Vinovo.

servizio civile digitale torino
Aperte le candidature al nuovo bando di Servizio civile digitale della Città metropolitana di Torino

La Città metropolitana di Torino ha attivo il nuovo bando di Servizio Civile Digitale, una modalità di Servizio Civile attraverso cui i giovani possono mettere a disposizione del paese le proprie competenze digitali, aiutando così le persone che hanno difficoltà a utilizzare il web, i dispositivi elettronici e i vari servizi online della Pubblica Amministrazione.

Al termine delle candidature saranno selezionati 15 giovani, di età compresa tra i 18 e i 28 anni, che presteranno servizio per quattro linee di progetto, tutte inserite nel programma “Facilitatori di coesione”:

  • Al servizio della Comunità, che coinvolge l’Ufficio pubblica tutela della Città metropolitana di Torino, ASL TO 3, C.I.S.S-A.C, e i comuni di Perosa Argentina e Santena, che punta al miglioramento dell’accessibilità e dell’autonomia nell’utilizzo dei servizi pubblici, attraverso un sostegno mirato e la diffusione e promozione di iniziative formative;
  • Strategie digitali per il patrimonio culturale, che ha come ambito di intervento le biblioteche e coinvolge i Comuni di Almese, Cambiano, Giaveno e Pavone;
  • Umanamente digitali, a cui prendono parte i Comuni di Carmagnola, None, Scalenghe e Vinovo, centrato sull’educazione informatica;
  • Safer navigator è invece il progetto per il Comune di Nichelino, sempre nell’ambito dell’educazione informatica.

A Cambiano un incontro informativo sul Servizio Civile digitale

Le domande di partecipazione possono essere presentate esclusivamente nella modalità on line cliccando qui, entro le ore 14 di venerdì 30 settembre 2022.

È possibile scegliere un unico progetto e un’unica sede. Si consiglia, inoltre, di inserire il curriculum vitae, che deve essere redatto sotto forma di dichiarazione sostitutiva di certificazione e atto di notorietà.

Il calendario di convocazione ai colloqui verrà pubblicato almeno 10 giorni prima del loro inizio: verrà inserito nel calendario solo chi è in possesso dei requisiti.

Ulteriori informazioni e dettagli sono consultabili sul sito della Città metropolitana di Torino.

Carta Giovani Nazionale, cos’è e come ottenerla