Coldiretti Giovani Torino rinnova i vertici con tre rappresentanti del Carmagnolese

463

Coldiretti Giovani, movimento giovanile di Coldiretti Torino, ha rinnovato i propri vertici: nel Comitato anche il carmagnolese Paolo Bo, il carignanese Luigi Baravalle e il poirinese Massimo Rubinetto.

Coldiretti giovani
Il nuovo Comitato di Coldiretti Giovani Torino, che include anche tre rappresentanti del territorio carmagnolese

Nuovi vertici per Coldiretti Giovani Impresa di Torino, il movimento giovanile di Coldiretti, che ha eletto la rivolese Claudia Roggero come delegata provinciale.
L’Assemblea ha scelto anche il Comitato che, come la delegata, resterà in carica per i prossimi cinque anni.

«Il Comitato rappresenta le diverse zone in cui è ripartita l’organizzazione provinciale di Coldiretti e le diverse attività specializzazioni del mondo agricolo -spiegano da Coldiretti- Ma, soprattutto, raccoglie i giovani agricoltori sotto i 30 anni che hanno scelto di impegnarsi per la crescita sindacale dare il proprio contributo a divulgare le istanze e le battaglie dell’organizzazione».

“Buona la prima” per le aste dei bovini al mercato bestiame di Carmagnola

Tre i rappresentanti del territorio carmagnoleseLuigi Baravalle, dell’azienda agricola Baravalle Giovanni e Paolo di Carignano (zootecnia latte e cereali); Paolo Bo, dell’azienda agricola Bo Antonio di Carmagnola (produzioni orticole) e Massimo Rubinetto, della società agricola Fratelli Rubinetto di Poirino (zootecnia latte, x e cereali).

Un aspetto importante del lavoro del movimento agricolo giovanile è favorire la crescita dell’imprenditoria giovanile. «Dobbiamo avvicinare i giovani all’agricoltura -ha commentato la neo eletta Roggero- Ma, allo stesso tempo, dobbiamo batterci perché un lavoro come il nostro, che mette insieme beni comuni come la produzione del cibo, il miglioramento ambientale, il presidio del territorio e la tutela del paesaggio sia sempre più incentivato e valorizzato».

Fotovoltaico agricolo a Poirino, Coldiretti chiede lo stop