“Con-tatto”, il cammino per le Langhe di ragazze e ragazzi autistici

453

Si è recentemente concluso Con-Tatto “Road to Langhe”, un progetto che ha coinvolto diciannove ragazze e ragazzi autistici, in un cammino lungo i sentieri delle Langhe.

L’itinerario, della durata di cinque giorni e lungo 100km, ha consentito di conoscere molte località caratteristiche del territorio -inclusa la stessa Ceresole-, come Alba, Roddino, San Damiano e la Valle Belbo.

Si è svolto nei primi di maggio il progetto Con-Tatto “Road to Langhe“, partito da Ceresole d’Alba, in piazza Vittorio Emanuele.

L’itinerario, della durata di cinque giorni e lungo 100km, ha consentito a diciannove ragazze e ragazzi autistici di conoscere molte località caratteristiche del territorio -inclusa la stessa Ceresole-, come Alba, Roddino, San Damiano e la Valle Belbo.

“Il progetto è stato curato da Roberto Keller, direttore del Centro Regionale Disturbi Spettro Autistico in Età Adulta dell’ASL Città di Torino -commentano dall’ASL- Il viaggio ha permesso a persone con autismo di migliorare competenze e autonomia, anche camminando insieme a persone non autistiche, per ampliare il contesto relazionale e comunicativo. Inoltre, uno degli obiettivi fondamentali è stato la condivisione della fatica, per raggiungere ogni giorno una nuova meta”.

I ragazzi speciali di Angeli di Ninfa daranno vita a una mostra permanente

Il Progetto “Con-tatto” è stato realizzato in partnership con la Cooperativa Animazione Valdocco, Unione Comuni Net e la Cooperativa il Margine; inoltre, ha visto il coinvolgimento attivo ed il supporto di Rotary Club Distretto 2031 e Fondazione Time2.

Durante il cammino, è stato utilizzato il progetto “Cares”, realizzato dall’ASL Città di Torino, dalla Consulta per le Persone in Difficoltà, dal Dipartimento di Informatica dell’Università di Torino e da Turismabile. “Cares” ha consentito di sviluppare una guida digitale accessibile, in grado di aiutare le persone autistiche nella scoperta di nuovi paesaggi e cercando di ridurre i possibili fattori di stress.

Un’iniziativa ambiziosa e costruttiva -l’ha definita Carlo Picco, Direttore Generale dell’ASL Città di Torino- Il progetto ha aiutato i partecipanti a lavorare sulle proprie abilità, familiarizzando con nuovi ambienti e, allo stesso tempo, confrontandosi con esperienze diverse. Si sono rivelati utili anche il supporto della tecnologia e di alcuni esperti.

Conclude Roberto Keller: “Abbiamo sperimentato un cambiamento del paradigma di trattamento, che vede l’inserimento delle attività abilitative anche al di fuori degli ambulatori, in contesti di vita reale”.

Carignano celebra la giornata dell’autismo con Angeli di Ninfa