Il Comune di Racconigi pianterà 403 alberi per i nuovi nati

366

Il Comune di Racconigi aderisce al progetto di piantumazione di 403 nuovi alberi, uno per ogni nuovo nato e per ciascun minore adottato dal 2017 al 2022. 

racconigi alberi
In inverno si pianteranno a Racconigi 403 nuovi alberi, uno per ogni nuovo nato o bambino adottato negli ultimi sei anni

Il Comune di Racconigi, il prossimo inverno, avvierà la piantumazione di 403 nuovi alberi, uno per ogni nuovo nato e per ciascun minore adottato dal 1° gennaio 2017, anno di insediamento dell’Amministrazione Oderda, fino al 31 dicembre 2022.

Il progetto è in linea con la legge 10/2013, che stabilisce che i Comuni con popolazione superiore a 15 mila abitanti debbano piantare un albero nel territorio comunale per ogni neonato residente e per ciascun minore adottato.

«Pur avendo Racconigi una popolazione inferiore, l’Amministrazione ha riconosciuto l’alto valore del progetto e ha deciso di aderirvi ugualmente», dichiarano da Palazzo Civico.

La classifica del 2021 delle città italiane che piantano alberi

«Purtroppo fa più rumore un albero che cade rispetto a una foresta che cresce, ma sono convinto che questa scelta lascerà un segno tangibile alle future generazioni – commenta il sindaco di Racconigi, Valerio OderdaIl nostro Comune ha un popolazione di circa 10 mila abitanti, quindi non avevamo obblighi a riguardo, ma considerato che la nostra Amministrazione ha tra gli obiettivi quello della riqualificazione urbana e ambientale, tutelando il verde cittadino e valorizzando il decoro urbano, abbiamo ritenuto di farci promotori attivi della realizzazione di questa iniziativa, che vedrà il coinvolgimento, oltre che del Comune, delle scuole, dei Carabinieri Forestali e della Protezione Civile».

Ferdinand Omanyala, il velocista keniota ha festeggiato il suo compleanno piantando 200 alberi

Aggiunge il consigliere delegato al verde pubblico Domenico Annibale: «Abbiamo presentato alla Regione domanda per avere 403 alberi, confrontandoci con i Carabinieri Forestali di Saluzzo per la scelte delle specie più idonee al nostro territorio, tra cui il gelso, carpino, tiglio, quercia, frassino, ma anche ciliegi e meli selvatici, prugnolo e fusaggine, più adatti all’avifauna locale -dichiara- Pensare che questi alberi, piantati come segno indelebile per festeggiare la nascita di una nuova vita, possano fungere da rifugio per altri esseri viventi e i loro frutti essere fonte di sostentamento per i numerosi animali che popolano le nostre campagne, ci rende orgogliosi del lavoro e della scelta fatta».

Il progetto “Sentiero sul Maira” si presenta al territorio