Italdry: autorizzati due interventi di messa in sicurezza del sito da bonificare

449

In attesa di avviare la bonifica del sito ex Italdry, in frazione Bossola a Carmagnola, il Comune ha autorizzato due interventi puntuali di messa in sicurezza.

Italdry bonifica carmagnola
L’ingresso del sito dell’ex lavanderia industriale Italdry in via Caramagna, all’uscita di frazione Bossola, a Carmagnola (foto di Francesco Rasero © Il Carmagnolese)

Il Comune di Carmagnola ha autorizzato due interventi puntuali di messa in sicurezza all’interno dell’ex Italdry, il sito di frazione Bossola che ospitava una lavanderia industriale e che ora necessita di bonifica dopo che sono stati rilevati importanti fenomeni di inquinamento, estesi anche alle falde acquifere.

Il primo riguarda lo smaltimento di alcuni manufatti potenzialmente contenenti amianto, che verranno raccolti dall’area di via Caramagna da parte di una ditta specializzata, la quale provvederà a smaltirli secondo quanto previsto dalle norme di legge.

Il secondo è invece riferito alla risoluzione di alcune altre criticità a livello ambientale, tra cui lo spostamento al riparo da eventi atmosferici di alcuni fusti e la copertura di un cassone scarrabile. Anche questo intervento sarà svolto da un’azienda del settore, dotata delle autorizzazioni necessarie.

Carmagnola: il PNRR finanzia anche la bonifica ex Italdry

Entrambe le azioni derivano dal sopralluogo congiunto svolto nello stabilimento ex Italdry insieme ai tecnici della Regione Piemonte -spiegano dal Comune- Si rende infatti necessaria la messa in sicurezza e bonifica di potenziali sorgenti primarie di contaminazione ancora attive“.

La spesa complessiva per i due interventi ammonta a circa cinquemila euro Iva inclusa. L’inquinamento causato dall’ex lavanderia industriale è indicato come causa del divieto di utilizzo delle acque dei pozzi, tutt’ora in vigore in un’ampia parte del territorio carmagnolese.

È intanto in corso la procedura per affidare i lavori veri e propri di bonifica dell’intera area e del sottosuolo, che dopo anni di attesa sono stati sbloccati grazie all’arrivo di fondi del PNRR destinati proprio a finanziare situazioni come quella della Bossola.

Falda ancora inquinata, prolungato il divieto di utilizzo dell’acqua dei pozzi nell’area ovest di Carmagnola