Breve storia del Totocalcio in Italia

274

La storia del Totocalcio

Le scommesse sportive oggi sono una delle attività preferite da chi vuole giocare d’azzardo. Anzi, si potrebbe dire che senza alcun dubbio è l’attività preferita in assoluto in questo ambito. Ciò è dovuto a diverse motivazioni: in primis perché in Italia abbiamo una forte cultura dello sport, soprattutto in riferimento al calcio, e in secondo luogo perché oggi abbiamo ricevuto un’eredità importante dagli anni ‘50 e ‘60 del secolo scorso. Oggi le scommesse sportive sono molto diverse rispetto a quegli anni: tra applicazioni, siti di scommesse e bonus scommesse, oggi è un mondo molto più digitale e veloce da fruire.

Proprio negli anni ‘50, come vedremo, in Italia è stata ideata una delle tipologie di scommessa sportiva calcistica più famose nella storia del settore: stiamo parlando del Totocalcio, che con il suo famoso “13” ha fatto sognare tantissimi giocatori.

Ecco la storia di come è nato il Totocalcio, cos’è diventato e cosa rappresenta oggi per gli appassionati di scommesse sul calcio.

La nascita del Totocalcio

Il Totocalcio è nato precisamente nel 1946 dal giornalista Massimo Della Pergola, e venne promosso dalla SISAL. Al tempo le scommesse sportive erano un po’ diverse da come siamo abituati oggi e il Totocalcio contribuì a dare uno scossone al settore, raccogliendo molti più giocatori e contribuendo ad aumentare la fama delle scommesse calcistiche.

La versione originale venne così pensata: si scommetteva su una schedina composta da 12 risultati, che divennero 13 qualche anno dopo (più precisamente nel 1951) e che rimasero tali per lungo tempo, fino ad oggi. 

Era il 5 maggio 1946 quando venne proposta la prima schedina dalla SISAL. Tale prima schedina prevedeva 4 incontri del girone finale della Divisione Nazionale 1945-1946, 2 partite del girone finale della Serie B-C Alta Italia dei medesimi anni e altri 6 incontri della Coppa Alta Italia. Erano presenti 2 partite di riserva.

Le scommesse in sé erano molto facili da piazzare, visto che bisognava semplicemente scegliere tra 1 (vincente la squadra di casa), X (pareggio) oppure 2 (vincente la squadra di trasferta). La prima schedina, al prezzo di 30 lire per ogni colonna, vide il primo vincitore nel romano Emilio Biasotti: il fortunato concorrente riuscì ad incassare 426 826 lire.

Le trasformazioni successive

Il Totocalcio rimase pressoché identico a partire dal 1951, anno in cui venne introdotta la tredicesima partita, per i cinquant’anni successivi. Negli anni ‘90 vennero introdotti altri concorsi paralleli, come il Totogol, e contestualmente nacquero diverse novità nell’ambito delle scommesse calcistiche: per tutti questi motivi il Totocalcio perse un notevole bacino d’utenza, che si spostò progressivamente su altri giochi.

Nel 2003, a causa di questo calo costante di notorietà, la schedina del Totocalcio venne modificata: venne introdotta la quattordicesima colonna, chiamata Tredicissimo, vennero liberalizzate le scommesse sulle coppe europee e sui campionati esteri (quest’ultimo un fattore che incise molto sul rilancio del Totocalcio: durante l’estate, prima di allora, veniva sempre sospeso a causa dello stop dei campionati italiani) e venne introdotto il concorso parallelo “Il 9”.

Nel 2004 venne abbinato al Totocalcio il Totogol, prima considerato come concorso a parte: questo è resistito fino al 2022, anno in cui è stato chiuso definitivamente.

Il Totocalcio oggi

Ad oggi il Totocalcio è tornato nella sua forma “originale” che prevede 13 eventi inseriti in schedina. È stato da poco eliminato il Totogol e in concorsi paralleli 9 e Big Match, e prevede nuove metodologie di giocata e di vincita. Il Totocalcio oggi è riuscito a risollevare le proprie sorti, grazie a queste modifiche apportate in virtù delle nuove esigenze di mercato.

In ogni caso la forma è rimasta invariata nella sua essenza: si gioca sempre puntando sulle classiche scommesse 1, X oppure 2. Un mix tanto semplice quanto divertente, che ha fatto sognare decine di migliaia di scommettitori nel corso dei decenni e che, ancora oggi, permette di potersi divertire attraverso la classica “schedina” come è conosciuta nel senso più stretto e basilare del termine.