Legge regionale sugli Alpini, verso il sì del Consiglio regionale

878

Approvato in Commissione Cultura del Piemonte il testo della legge regionale dedicata agli Alpini, proposta dal consigliere Davide Nicco, ex sindaco di Villastellone.

legge regionale sugli alpini
Il consigliere regionale Davide Nicco con l’alpino Giovanni Alutto, decano delle “penne nere” piemontesi e sostenitore della proposta di legge regionale

La VI Commissione del Consiglio regionale del Piemonte (Cultura, politiche dei giovani; sport e tempo libero; cooperazione e solidarietà) ha approvato a larga maggioranza il testo della proposta di legge regionale sugli Alpini, voluta e proposta dal consigliere Davide Nicco, ex sindaco di Villastellone e attuale vice-presidente del Gruppo consiliare di Fratelli d’Italia.

La proposta, in questo modo, ha la strada spianata verso l’approvazione dell’Aula del Consiglio regionale del Piemonte: il provvedimento istituirà la Giornata Regionale del Valore Alpino, da celebrarsi il 16 gennaio di ogni anno nell’anniversario del giorno del 1943 in cui giunse alle truppe alpine piemontesi in Russia l’ordine del ripiegamento generale, dando inizio alla drammatica ritirata.

“Il Piemonte è in questo modo l’unica regione italiana, assieme alla Lombardia, a dotarsi di una simile legge -sottolinea Nicco- Il Corpo degli Alpini è stato creato proprio in Piemonte nel 1872, e si appresta pertanto a festeggiare nel 2022 i suoi primi 150 anni. Leggendario il ruolo assolto dalle penne nere piemontesi nella storia d’Italia, in guerra come in pace e durante le numerose emergenze e calamità naturali: ultima in ordine di tempo la campagna vaccinale per il Covid-19“.

Nicco: “la Regione Piemonte renda merito agli Alpini”

L’ideatore e primo firmatario della proposta di legge esprime grande soddisfazione per questa approvazione: «È una bellissima notizia che ha raccolto un vasto consenso e che arriva proprio in prossimità dell’anniversario del IV novembre -dichiara- La nuova legge offre strumenti concreti non solo per ricordare e trasmettere alle giovani generazioni la cultura e i valori custoditi dai nostri Alpini, ma per varare iniziative innovative di formazione e servizio che a questi valori di civiltà e solidarietà si ispirano e meritano di essere coltivate».

Grazie alla nuova legge, la Regione Piemonte promuoverà infatti iniziative di informazione e sensibilizzazione per valorizzare la storia, il ruolo e i valori trasmessi dagli Alpini alle giovani generazioni, in collaborazione con le sezioni territoriali e i gruppi dell’ANA – Associazione Nazionale Alpini del Piemonte e anche con la partecipazione volontaria di altri enti o associazioni.

Gli alpini di Ceresole d’Alba ricordano i caduti

La Regione andrà anche a istituire una borsa di studio rivolta agli studenti per ricerche ed elaborati sull’attività del corpo degli Alpini e promuoverà seminari e viaggi d’istruzione sui luoghi legati alla memoria degli Alpini. Grazie alla legge, infine, saranno varati progetti con la Protezione Civile e il Soccorso Alpino quali corsi di formazione con particolare attenzione alla tutela dell’ambiente e del territorio, della solidarietà e della cittadinanza attiva.

Alla proposta di legge ha dato anche il proprio sostegno il decano degli Alpini piemontesi, il sergente maggiore carmagnolese Giovanni Alutto, classe 1916, reduce dalla Campagna di Russia.

Alutto “testimonial” per la Giornata regionale del Valore Alpino