All’Elios lo spettacolo “Mi abbatto e sono felice”

24

Amore e ambiente in una pièce teatrale eco-sostenibile, di e con Daniele Ronco.
E’ il primo appuntamento della rassegna “A teatro con Letti di Notte” promossa dal Gruppo di Lettura Carmagnola.

Daniele Ronco Mi Abbatto e sono Felice
Daniele Ronco

Venerdì 11 gennaio alle 21 sul palco del teatro Elios di piazza Verdi 4 andrà in scena “Mi abbatto e sono felice”, di e con Daniele Ronco.

Si tratta del primo dei tre spettacoli della rassegna “A teatro con Letti di Notte”, scelti dal Gruppo di Lettura Carmagnola per portare buon teatro a un prezzo “più che politico”.
L’incasso delle tre serate, al netto delle spese, andrà a finanziare il festival letterario di cui la rassegna porta il nome. 

“Mi abbatto e sono felice” è una produzione Mulino ad Arte, per la regia di Marco Cavicchioli. Si ispira a “La decrescita felice” di Maurizio Pallante e si definisce uno spettacolo eco-sostenibile.

Così viene presentato lo spettacolo: “La felicità dell’Uomo occidentale pare essere direttamente proporzionale a quanto produce e quanto consuma: producendo si ottiene denaro e più denaro si possiede, più si consuma e ci si sente felici. Siamo certi di questa affermazione? In tutto questo, l’unica ancora di salvezza è l’Amore. L’unica variabile impazzita, l’unica variabile a sfuggire alle leggi della fisica e della chimica. L’amore per se stessi, per le altre creature e per il pianeta che ci ospita potrà salvarci da un declino altrimenti inarrestabile. L’amore non costa, non crea Pil, non inquina, è scomodo perché fa ammalare di meno, perché sfugge alle statistiche, perché non è tassabile, almeno per ora”. 

Aggiunge Daniele Ronco: «L’idea di mettere in scena questo spettacolo nasce dalla riflessione che mi ha accompagnato nei mesi successivi alla morte di mio nonno, persona che mi ha insegnato tanto e che stimo infinitamente per la condotta di vita esemplare perseguita durante i 91 anni trascorsi su questo pianeta. Si tratta di un monologo a impatto ambientale zero, autoironico, dissacrante, che vuole far riflettere su come si possa essere felici abbattendo l’impatto che ognuno di noi ha nei confronti del Pianeta».

“Mi abbatto e sono felice” non utilizza energia elettrica in maniera tradizionale: si autoalimenta, grazie allo sforzo fisico prodotto dall’attore in scena. Non sono presenti altri elementi scenici, i costumi sono essenziali e recuperati dal guardaroba del nonno Michele; le musiche sono dal vivo.

Lo spettacolo si presta a stimolanti sinergie le questioni legate alla salvaguardia dell’ambiente, all’eco-sostenibilità, per sensibilizzare trasversalmente la popolazione.

L’autore e interprete, Daniele Ronco, torinese classe 1984, si è diplomato attore di prosa a Bologna; ha recitato in svariati spettacoli, fiction tv e film. Dal 2015 lavora con la band carmagnolese dei Kachupa; nel 2106 è stato protagonista della docu-fiction “78 – vai piano ma vinci”, per la regia di Alice Filippi, candidato al David di Donatello 2018. È anche direttore artistico di rassegne teatrali nel torinese.

Il costo del biglietto singolo è d 12 euro; abbonamento per i tre spettacoli (a posto fisso) 30 euro.
I biglietti e gli abbonamenti sono in vendita da Piumatti Tuttocasa, in via Avvocato Ferrero 80.
Per informazioni o richieste, telefonare al numero 392-5938504.