Premiati i presepi del concorso “Casa mia è aperta / Mia ca l’è duverta”

182

Si è tenuta la premiazione del concorso di presepi “Casa mia è aperta / Mia ca l’è duverta” organizzato dall’associazione Octavia: sul podio la creazione della polongherese Lucia Brusa.

concorso presepi Polonghera
Il presepe della polongherese Lucia Brusa, fatto interamente di carta di giornale, è stato premiato per l’originalità

Si è tenuta la premiazione del concorso di presepiCasa mia è aperta / Mia ca l’è duverta” organizzato dall’Associazione Octavia; l’evento si è tenuto in videoconferenza, a causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19.

Il concorso ha visto la partecipazione di ben 55 presepi allestiti in 12 Comuni: alcune delle opere erano tradizionali, altre decisamente più creative.
“Siamo contenti di aver portato avanti questo concorso nonostante l’emergenza sanitaria in corso –spiega Annagloria Buonincontri, rappresentante dell’associazione Octavia- Speriamo l’anno prossimo di poter vedere tutti quanti i presepi dal vivo”.

I creatori dei migliori presepi hanno ricevuto in premio dei cestini con prodotti tipici del territorio.

La Giuria ha valutato i presepi tenendo conto della creatività, dell’espressività dei contenuti e delle capacità artigianali. “In tutti i presepi c’era un’anima –dichiara Filippo Ghisi, presidente di Turismo in Langa e membro della Giuria- Il rimpianto più grande è stato quello di aver visto queste opere solo in fotografia e non dal vivo”. 

Ad aggiudicarsi un posto sul podio è stato il presepe della polongherese Lucia Brusa, fatto interamente di carta di giornale.
Una menzione speciale è andata quindi a Elisabetta Audrito, residente a Faule, per il suo presepe realizzato all’interno di un “fujot” per la bagna cauda.

Il 2020 nel Carmagnolese, raccontato in 100 notizie