Presentazione del libro di Giorgio Brizio al Circolo Arci Margot

406

Domani sera, domenica 25 luglio, si terrà al Circolo Arci Margot di Carmagnola la presentazione del libro di Giorgio Brizio “Non siamo tutti sulla stessa barca”. Ingresso libero per i tesserati.

Giorgio Brizio Margot
Il libro “Non siamo tutti sulla stessa barca”, di Giorgio Brizio, tratta i temi delle emergenze climatica e migratoria, con il mare come elemento centrale e ricco di contraddizioni.

Domenica 25 luglio, alle ore 18, Giorgio Brizio presenterà il libro “Non siamo tutti sulla stessa barca” al Circolo Margot di Carmagnola. L’ingresso è libero e gratuito per tutti i tesserati Arci.

Giorgio Brizio è uno scrittore e attivista giovanissimo, studente di Scienze internazionali dello Sviluppo e della Cooperazione all’Università degli Studi di Torino. Molto attivo sul fronte dei diritti umani, ha partecipato ai Fridays for Future ed è spesso ospite di trasmissioni radiofoniche e televisive; inoltre, occasionalmente, collabora con alcune testate nazionali.

Non siamo tutti sulla stessa barca” si confronta con temi di attualità, quali i cambiamenti climatici e le migrazioni, attraverso lo sguardo di un giovane. L’autore non si rivolge solo ai suoi coetanei, ma anche alle generazioni precedenti, coinvolte allo stesso modo nelle emergenze.

I capitoli del libro sono legati da un filo rosso: le metafore dell’acqua, del mare e della barca (Il mare si alza; The Wave; Il confine più letale del mondo; Non annegare; Ultime spiagge). Parte dei proventi del libro saranno donati alle ONG Mediterranea e ResQ. La prefazione è stata curata da don Luigi Ciotti.

Giorgio Brizio con le sue parole e la sua passione chiede una cosa: che si faccia squadra -commenta lo scrittore Fabio Geda Solo facendo squadra saremo capaci di affrontare sfide come l’emergenza climatica o la disparità economica tra le diverse aree del mondo. Tra mille dubbi, una cosa è chiara: o vinceremo come collettivo o verremo sconfitti individualmente“.

Louise Michel, Banksy acquista una nave per salvare i migranti che tentano di raggiungere l’Europa