Rifiuti, previsto uno sciopero nazionale degli addetti ai servizi ambientali

355

É stato indetto, per la giornata di mercoledì 30 giugno, uno sciopero dei lavoratori del settore dei servizi ambientali; per questo motivo non sarà garantita la raccolta rifiuti.

sciopero rifiuti
Mercoledì 30 giugno possibili disagi legati alla raccolta dei rifiuti per uno sciopero nazionale del personale addetto [immagine di repertorio]
Mercoledì 30 giugno 2021, a causa di uno sciopero generale nazionale delle lavoratrici e dei lavoratori del comparto ambientale, non sarà garantito il servizio di raccolta rifiuti.

Al centro della protesta la richiesta, a governo e parlamento, di intervenire con urgenza sull’articolo 177 del codice appalti, che a detta degli organizzatori rischia di mettere a rischio posti di lavoro.

Ccs e Covar 14, una nuova App per la differenziata dei rifiuti

I sindacati Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, promotori dello sciopero, spiegano che “l’articolo in questione le cui proroghe applicative scadranno a fine anno, obbliga le aziende concessionarie ad esternalizzare l’80% di tutte le attività, anche nei casi in cui le stesse vengano svolte direttamente dal proprio personale, azzerando di fatto un servizio essenziale per le comunità locali”.

E continuano: “La norma impatta pesantemente sui costi economici, obbligando le aziende a spezzettare rapidamente il servizio con gare al ribasso. È il tempo di garantire ai lavoratori, alle aziende dei servizi pubblici e a tutte le comunità locali, azioni incisive per lo sviluppo di un settore fondamentale“. 

Nel corso della giornata di sciopero saranno comunque garantiti i servizi essenziali previsti dalla legge, come per esempio la raccolta rifiuti nei mercati e negli ospedali.

Green Heroes, i supereroi dell’Ambiente e “Il Carmagnolese” contro i rifiuti