Rsa Sereni Orizzonti di Carmagnola: “No alla guerra in Ucraina, sì alla Pace”

1212

Gli anziani ospiti della Rsa Sereni Orizzonti di Carmagnola lanciano il messaggio “No alla guerra, sì alla Pace”, in vicinanza alle due operatrici socio-sanitarie di origini ucraina che lavorano nella struttura.

rsa guerra ucraina
Alcuni degli ospiti della Rsa Sereni Orizzonti di Carmagnola con i loro messaggi a favore della Pace e contro la guerra in Ucraina

Un messaggio semplice, ma forte e incisivo, arriva dagli anziani della casa di riposo ‘Il Faggio’ di Carmagnola, Rsa gestita dal gruppo Sereni Orizzonti: grazie all’aiuto degli operatori, gli anziani hanno realizzato un cartellone con scritto “No alla guerra, sì alla Pace” per solidarizzare con tutti gli uomini, le donne e i bambini colpiti da conflitti, a partire da quello in Ucraina.

«La decisione di dare vita a questo progetto è partita da un dialogo fra alcuni operatori e gli ospiti che hanno vissuto la seconda guerra mondiale -dichiara Ramona Borla, direttrice della struttura- Ci tengo a precisare che non vogliamo dare alcun tipo di connotazione politica a questo messaggio: il nostro intento è soltanto quello di diffondere un appello umano di pace e solidarietà».

Carmagnola: messaggi di pace dalla scuola di San Giovanni

La struttura di Carmagnola è particolarmente sensibile al tema anche per un’altra ragione: fra le lavoratrici ci sono due operatrici socio-sanitarie di origine ucraina.

Irina è in Italia da tempo e con lei vive anche sua figlia, che è arrivata da poco passando la frontiera dalla parte della Polonia; alcuni dei suoi parenti vivono ancora nelle zone di guerra.

Mondo in Cammino: aggiornamenti e raccolta fondi per l’Ucraina

«Il mio paese di origine si trova vicino a Kharkiv, che oggi è quasi completamente distrutta -dichiara- Per il bene di tutti quelli che stanno soffrendo spero che questa situazione finisca presto».

La residenza ‘Il Faggio’ di Carmagnola può ospitare 62 anziani ed è gestita da Sereni Orizzonti, uno dei primi tre gruppi a livello nazionale che opera nella costruzione e gestione di residenze sanitarie assistenziali, con circa 80 Rsa e più di cinquemila posti letto in Italia e all’estero.

La prima raccolta per l’Ucraina a Carmagnola si è rivelata “molto positiva”