Santena: firmato un accordo tra Comune e Collegio Geometri

405

Il Comune di Santena ha sottoscritto una convenzione con il Collegio dei Geometri e con la Cipag (cassa italiana di previdenza e assistenza dei geometri liberi professionisti). L’accordo potrà portare vantaggi anche economici all’Ente.

Santena geometri
L’iniziativa porterà al Comune di Santena anche un vantaggio economico: sarà la Cipag infatti ad anticipare il pagamento dei geometri e i lavori pubblici potranno continuare anche in mancanza di liquidità immediata.

A Santena è stata sottoscritta una convenzione tra il Comune, il Collegio dei Geometri e la Cipag (Cassa italiana di previdenza e assistenza dei geometri liberi professionisti); l’iniziativa ha lo scopo di promuovere e valorizzare lo sviluppo del patrimonio immobiliare comunale.

“L’obiettivo della convenzione è aver a disposizione professionisti selezionati a seconda delle competenze specifiche -spiega il sindaco Ugo BaldiDi fatto andiamo a garantire maggiore trasparenza al cittadino, selezionando i professionisti più qualificati per l’area di intervento grazie alla preselezione dell’Ordine dei Geometri e della Cipag”.

Per il momento la durata della convenzione sarà di un anno, ma sarà possibile sottoscriverla nuovamente negli anni successivi.

Se il progetto funziona ovviamente l’intenzione è rinnovare la convenzione: per il Comune è di sicuro un vantaggio anche economico-prosegue il sindaco- Sarà infatti la Cipag ad anticipare il pagamento dei geometri, quindi anche in mancanza di liquidità immediata dell’Amministrazione si potrà continuare nei lavori e nella manutenzione degli impianti ed edifici comunali, senza interruzioni determinate dal bilancio”.

Il partenariato permetterà anche una maggiore verifica sull’operato dei professionisti: “Il lavoro verrà pagato dopo la validazione da parte del Collegio -spiega Cristian Barbini, consigliere di maggioranza con deleghe alle Attività produttive- Ci sarà quindi un controllo maggiore sui lavori commissionati. Anche gli incarichi saranno dati in base al curriculum e a rotazione, garantendo in questo modo la trasparenza nella selezione, creando nuove opportunità lavorative per gli iscritti all’Albo”.