Variante Est: esito positivo per l’incontro di oggi in Comune

358

Si è svolta a Carmagnola la riunione tra tutti gli Enti coinvolti nel progetto della nuova strada, che collegherà la Bretella Sud con il casello dell’A6 Torino-Savona. Definiti i contenuti della convenzione, che ora deve essere ratificata da tutti. La Regione ha annunciato di avere già a bilancio per il 2019 i soldi necessari per il primo lotto di lavori della Variante Est. Soddisfatto il sindaco Ivana Gaveglio.

 

castello municipio Carmagnola uffici ph. Francesco Rasero Il CarmagnoleseSi è svolto con successo oggi, in municipio a Carmagnola, l’atteso incontro convocato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per discutere dell’avanzamento del progetto della Variante Est di Carmagnola.
Erano invitati, oltre al Comune, tutti gli Enti coinvolti nella realizzazione della nuova strada: Regione Piemonte, Città Metropolitana di Torino e Autostrada dei Fiori (gestore della Torino-Savona).

Al termine è stata definita la bozza finale di convenzione, che ha come oggetto “Progettazione, realizzazione e gestione della Variante Est di Carmagnola – I lotto di adduzione all’esistente casello sull’autostrada dei Fiori, tronco A6 Torino – Savona”.

Il documento dovrà essere ora ratificato con apposite delibere dal Comune di Carmagnola, dalla Regione Piemonte, dalla Città Metropolitana di Torino e dal Consiglio di Amministrazione della società autostradale.
Quindi si potrà procedere alla firma, realisticamente all’inizio del prossimo anno.

Ivana Gaveglio Tari ravvedimento operoso
Il Sindaco Gaveglio

Sono molto soddisfatta” è il commento a caldo del sindaco Ivana Gaveglio, che nelle ultime settimane aveva spinto politicamente (anche recandosi di persona al Ministero a Roma) per sbloccare l’iter dei lavori.
I contenuti tecnici dell’accordo sono stati definiti e la Regione ha garantito la propria disponibilità di fondi a bilancio già nel 2019“, aggiunge Gaveglio.

La Variante Est sarà un nuovo tratto di strada che collegherà l’attuale Bretella Sud, da località Due Provincie, fino al casello della Torino-Savona.
L’obiettivo del progetto è quello di alleggerire il traffico di passaggio su Carmagnola, in particolare quello pesante, realizzando nei fatti un primo tratto di tangenziale cittadina in grado di collegare lo svincolo autostradale con le principali arterie della zona sud verso la Provincia di Cuneo (provinciale 661 per Bra, strada “Reale” per Caramagna-Fossano ed ex Statale 20 per Racconigi).

Oltre alla convenzione definitiva, approvata oggi, esiste già anche un progetto della Variante Est, elaborato a suo tempo dalla ex Provincia di Torino.
Le tempistiche di realizzazione, pertanto, potrebbero essere relativamente rapide.