Ecoristoranti: due Università studiano la rete del Covar14

1131

Giovedì mattina a Torino è in programma un convegno dedicato alla rete degli Ecoristoranti, nata nel 2012 su iniziativa del Covar14 di Carignano e oggetto di studio da parte di due Università italiane. Prevista anche una lectio magistralis di don Domenico Cravero.

 

ecoristorantiIl Covar14 e Cidiu Servizi fanno il punto sulla rete degli Ecoristoranti, progetto lanciato dal Consorzio rifiuti di Carignano nel 2012 che oggi coinvolge 139 strutture in 53 Comuni, in particolare in area torinese, ma con ramificazioni in tutta Italia.

L’appuntamento è per giovedì 22 novembre, dalle 9, a Torino, nella sede della Città Metropolitana di via Maria Vittoria 12, con il convegno “Ridurre gli sprechi alimentari: Ecoristoranti, norme sociali, reti solidali”.

Nel corso dei lavori, verranno presentati in anteprima i risultati del test scientifico dedicato a usi e remore nei confronti della Doggy Bag, contenitore per asportare il cibo non consumato al ristorante, realizzato in collaborazione con la Cooperativa ERICA di Alba e le Università degli Studi di Ferrara e di Roma Tor Vergata.
Gli interventi saranno a cura di Elena Giardina (Erica), Leonardo Di Crescenzo (Covar14), Riccardo Civera (Cidiu Servizi), Susanna Mancinelli (Università di Ferrara) e Mariangela Soli (Università di Roma Tor Vergata), queste ultime autrici della ricerca universitaria sulla rete degli Ecoristoranti.

I lavori saranno introdotti e moderati da Alessio Ciacci, presidente di Acsel Valsusa ed esperto nazionale di rifiuti e sostenibilità; conclusioni di Roberto Cavallo.
Interverranno l’assessore regionale all’ambiente, Alberto Valmaggia, e il vicesindaco della Città Metropolitana, Marco Marocco.

E’ inoltre prevista una lectio magistralis introduttiva a cura di don Domenico Cravero, fondatore della cooperativa Terra Mia e molto noto a Carmagnola e dintorni. Il religioso parlerà della necessità di ridurre gli sprechi alimentari, ispirandosi anche alla Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti tuttora in corso.
Anche i Magazzini Oz e il Banco Alimentare racconteranno le loro esperienze contro lo spreco alimentare.