Virle Piemonte, il Covid fa saltare la fiera autunnale della zucca e dei pocio

416

Anche la fiera autunnale della zucca e dei “pocio” di Virle Piemonte, prevista a novembre, è stata annullata a causa dell’emergenza sanitaria Covid-19.

Virle fiera covid
La fiera autunnale della zucca e dei pocio di Virle Piemonte è stata annullata a causa del Covid-19

La tradizionale Fiera autunnale che si doveva tenere domenica 8 novembre 2020 a Virle Piemonte è stata annullata: si tratta di una scelta fatta dall’Amministrazione comunale, in relazione all’emergenza sanitaria Covid-19 in corso.

L’evento, che si svolge ogni anno la seconda domenica del mese di novembre, celebra la “cossa” (la zucca) e i “pocio” (una varietà del nespolo germanico), prodotti tipici del territorio locale.
L’anno scorso la fiera prevedeva una rassegna commerciale con i prodotti del territorio, l’esposizione di macchine agricole e di sculture in legno, attività della biblioteca comunale e giochi per i bambini, oltre a visite guidate al castello.

L’appuntamento previsto per l’8 novembre, così come è avvenuto in molti Comuni limitrofi quali Castagnole e Piobesi, è stato annullato.

Si è trattato di fare una scelta responsabile: avevamo capito che si stava andando nella direzione di limitare tutti i potenziali assembramenti non strettamente necessari -sottolinea il sindaco Mattia Robasto, che con l’amministrazione aveva deciso già da tempo di limitare la fiera- Abbiamo valutato che la fiera non fosse assolutamente un evento necessario per la vita serena della nostra Comunità, scelta che si è poi dimostrata oculata e ben gestita, visto che il DPCM di domenica ha messo un freno a sagre ed eventi”.

La cancellazione dell’evento ha permesso di evitare di ripensare fino all’ultimo la fiera, che gli organizzatori avrebbero poi dovuto modificare a causa di eventuali nuove restrizioni, rischiando di dover cambiare del tutto il programma più volte.
La speranza del Comune è di poter festeggiare il prossimo anno con una sicurezza maggiore.

Contagi Covid-19: la situazione aggiornata nel Carmagnolese