A Cambiano una mostra dedicata a Livio Ninni

245

Nell’ambito della rassegna “La lunga stagione dell’arte cambianese” è stata inaugurata alla biblioteca civica di Cambiano una mostra dedicata all’artista Livio Ninni dal titolo “Resilienza”.

Mostra Cambiano Livio Ninni
L’artista è famoso per le installazioni realizzate in luoghi urbani

É stata inaugurata alla sala conferenze della biblioteca civica di Cambiano una mostra intitolata “Resilienza”, dedicata all’artista Livio Ninni. Sarà possibile visitare l’esposizione fino al 23 gennaio 2022.

Il progetto fa parte della rassegna “La lunga stagione dell’arte cambianese“, nata nel periodo del lockdown con le mostre virtuali, ed è curato dall’assessora Daniela Miron, in collaborazione con Santina Barbera e i responsabili della biblioteca.

Santena, Cavour diventa un Lego nel nuovo murales in via Vittorio Veneto

“Livio Ninni, dopo studi di specializzazione in fotografia e grafica, si dedica all’arte urbana e al fenomeno dei graffitifanno sapere gli organizzatori- Realizza diversi reportage fotografici in molte città italiane, concentrandosi sull’azione dei writer all’interno di spazi urbani abbandonati“.

E continuano: “Successivamente, dopo il periodo del lockdown, il repertorio dell’artista si arricchisce di nuove installazioni, che hanno l’obiettivo di riportare la natura entro ciò che resta dell’attività antropica, in un atto di resilienza e resistenza ecologica. Sistema economico sociale e sistema ambientale convergono così, nelle sue opere, verso una nuova sintesi”.

Piobesi si tinge di colori con il nuovo murales del “Museo a cielo aperto”

Dopo l’attuale mostra, nel corso dell’anno, seguiranno esposizioni di altri artisti: a febbraio Monica Grossi, Maria Grazia Fiore e Maria Teresa Pansini, a marzo Jessica Spagnolo e Francesco Fai, ad aprile Gabriella Carmignani, a maggio la scuola di pittura Giacomo Grosso di Cambiano, a giugno Piero Tozzoli e Anna Regge, a luglio Santina Barbera e a settembre Lorenzo Lo Vermi.

I bambini realizzano un murales alla primaria “Grosso” di Cambiano