A Sommariva scatta la solidarietà per una compaesana in coma

203

Il Comune di Sommariva del Bosco si è attivato per sostenere con una raccolta fondi la famiglia di Giusi, compaesana in coma da quattro mesi. Organizzata, sabato 27 aprile, una serata musicale al teatro Bongioanni. 

Giusi e il marito Agostino

Sabato 27 aprile al teatro Bongioanni di Sommariva del Bosco è in programma la serata musicale “Canzoni per Giusi”, un evento organizzato dal Comune e dall’Associazione Sommariva del Bosco Solidale ODV per sostenere la famiglia di Giusi, compaesana in coma dal 15 dicembre scorso.

L’evento, animato dal gruppo “Senza Disketto”, inizierà alle ore 21, con ingresso gratuito a offerta libera, tutte le donazioni raccolte verranno consegnate alla famiglia

“Giusi –racconta il marito Agostino Ventriglia– ha avuto un’emorragia cerebrale dovuta alla rottura di un aneurisma all’arteria carotidea con conseguente arresto cardiaco. È stata rianimata per diversi minuti fino a che il cuore è ripartito ma non si è più risvegliata da allora”.

“Ci Vogliamo Intensamente”, il nuovo singolo del cantante sommarivese Frio

Nessuno sa se e quando si risveglierà: una delle paure del marito Agostino Ventriglia è che potrebbe farlo con un danno psico-fisico non recuperabile. Per sostenere le costose cure di cui potrebbe avere bisogno Giusi nel caso in cui si svegliasse, mantenere economicamente i figli, Alice di 15 anni e Mattia di 20 (studente universitario) e le spese quotidiane, il marito ha anche avviato una raccolta fondi sulla piattaforma GoFundMe

“Io e mia moglie –dichiara il Agostino– abbiamo una piccola attività commerciale, ora che sono rimasto solo al lavoro non riesco a compensare la sua mancanza”.

Giusi è ora ricoverata all’ospedale di Fossano, ma ancora non dà segni di coscienza. I familiari però continuano a sperare di riabbracciarla: “Da sempre è una donna combattente, non si lamentava mai e andava sempre avanti. Ora ci vorrà forse un po’ di più ma noi non molliamo e la aspettiamo”.

I volontari della Croce Rossa di Racconigi a Roma per l’udienza papale