Al Castello di Racconigi visite all’appartamento di mezzogiorno

73

Oggi, domenica 24 luglio, il percorso museale del Castello di Racconigi si amplia con la visita libera all’appartamento di mezzogiorno, eccezionalmente aperto dopo un intervento di manutenzione.

Castello Racconigi appartamento mezzogiorno
Sarà possibile vedere preziosi oggetti d’arte decorativa donati alla famiglia reale, tra cui lo scrigno appartenuto alla regina Margherita

Nella giornata di oggi, domenica 24 luglio, dalle ore 14 alle ore 18, il percorso museale del Castello di Racconigi si amplia con la visita all’appartamento di mezzogiorno, eccezionalmente aperto dopo l’intervento di manutenzione conservativa, che si è recentemente concluso. L’appartamento fu realizzato nell’ambito dell’ampliamento della residenza voluto nell’ottocento da Carlo Alberto e affidato all’architetto Ernest Melano.

“In origine destinate ad alloggiare la corte, queste sale ospitarono i viceré del Lombardo-Veneto, genitori di Maria Adelaide d’Asburgo-Lorena, consorte di Vittorio Emanuele II, destinato a diventare il primo re d’Italia –fanno sapere dalla Direzione regionale Musei- Al suo interno sono conservati non solo ritratti dinastici facenti parte della collezione di Casa Savoia, ma anche preziosi oggetti d’arte decorativa donati alla famiglia reale, tra cui lo scrigno appartenuto alla regina Margherita, raffinato manufatto con intarsi in avorio e madreperla, originariamente destinato a contenere monete, piccoli oggetti di valore e gemme, nei 26 cassettini che si aprono al suo interno. Il prezioso oggetto fu un dono offerto nel 1869 a Margherita dalla città di Milano, in ricordo delle sue nozze con l’erede al trono Umberto avvenute nell’anno precedente”. 

La visita all’appartamento di mezzogiorno è compresa nel biglietto d’ingresso al castello.

PNRR, 2 milioni di euro per il parco del Castello di Racconigi