Anche a Castagnole arrivano la “vetrine condivise”

382

Dopo la proposta dei commercianti di Carmagnola, anche a Castagnole Piemonte nascono le “vetrine condivise”: la cartoleria e la ferramenta del paese hanno condiviso i prodotti dell’altro negozio, così da collaborare e far conoscere meglio ai clienti le proposte sul territorio castagnolese.

castagnole vetrine condivise
Le vetrine condivise dei due negozi di Castagnole, L’Edicole e Ferramenta&Fiori. (foto pagine Facebook L’Edicole e Ferramenta&Fiori)

Anche a Castagnole Piemonte arrivano la “vetrine condivise”: dopo l’iniziativa nata a Carmagnola, un’iniziativa simile è stata proposta anche da due commercianti castagnolesi, Simona Boemia e Ramona Cervino.

I negozi protagonisti sono “L’èdicole di Simona Boemia” e “Ferramenta&fiori”: il primo è un’edicola che vende anche oggetti di cartoleria e articoli regalo, mentre il secondo è una ferramenta che vende casalinghi ma anche fiori, piante e piantini da orto.

Avevo visto questa proposta da altri commercianti sui social e anche a Carmagnola: mi è piaciuta, soprattutto in vista del Natale –spiega Simona Boemia, proprietaria dell’edicolaHo cercato un’attività che fosse simile alla mia: ho presentato il progetto alla titolare di Ferramenta&Fiori, che ha accettato e così l’abbiamo messo in atto”.

I due negozi hanno così allestito le proprie vetrine con oggetti dell’altro negozio, in modo che i clienti e i castagnolesi potessero conoscere anche gli oggetti di altre commercianti diverse. “Abbiamo prodotti e articoli simili, in particolare nel periodo natalizio, ma abbiamo pensato di sfatare la rivalità che si pensa ci sia tra i commercianti -aggiunge la proprietaria de L’Edicole- E’ un modo per collaborare e per far scoprire ai clienti i prodotti dell’altro commerciante”.

Le vetrine non sono grandi ma l’idea ha funzionato: la solidarietà tra commercianti è piaciuta anche ai clienti. “Ci sono tante idee che si possono sviluppare, anche se si hanno attività diverse: è un modo per sostenere i negozi e anche l’artigianato locale” conclude Boemia.

Carmagnola, sempre più commercianti aderiscono alle “vetrine solidali”