Al “Bobbio” di Carignano in funzione la didattica a distanza

717

Nell’emergenza Coronavirus, l’Istituto superiore “Norberto Bobbio” di Carignano ha potenziato la didattica a distanza.

istituto Bobbio didattica a distanzaAnche l’Istituto superiore “Bobbio” di Carignano ha attivato la didattica a distanza, come misura per non sospendere l’attività scolastica nonostante l’emergenza Coronavirus.

Le scuole italiane sono state le prime a sperimentare ciò che, dopo provvedimenti successivamente stringenti da parte del Governo, viene riassunto con l’hashtag #Iorestoacasaspiegano dall’Istituto carignanese– La risposta delle scuole italiane per larga parte è stata immediata, considerando che nessuno mai aveva vissuto un’emergenza simile, anche perché il Ministero, già con una nota del 6 marzo scorso aveva sottolineato la necessità di attivare la didattica a distanza“, .

Aggiunge la dirigente Claudia Torta: “Noi avevamo già una piattaforma, utilizzata per quelle occasioni o per quei corsi che potrebbero averne la necessità, penso ad esempio agli allievi del liceo sportivo impegnati in gare fuori sede oppure per la formazione dei docenti“.

Questa è la piattaforma per la formazione a distanza Moodle, canale ufficiale scuola/famiglia che permette –assieme al registro elettronico- di verificare i passi avanti della programmazione, le attività organizzate e anche la risposta degli studenti, ovvero attestare se hanno inviato o meno i lavori richiesti.

LA TUA VITA COME E’ CAMBIATA CON L’EMERGENZA CORONAVIRUS?
RACCONTACELO QUI!

Il primo passo è stato verificare e sollecitare le abilitazioni all’uso della piattaforma del personale e degli studenti -prosegue la dirigente scolastica del Bobbio- Una volta avviato il lavoro, abbiamo ottenuto la possibilità di usare anche Google Suite for Education, che offre potenti strumenti per la collaborazione e la comunicazione docenti-studenti fra i quali la videolezione. Esistono poi, per condividere contenuti, le possibilità di uso di altre piattaforme da WhatsApp a Youtube, per citarne solo due di una lunga serie, che le famiglie possono verificare in una delle più recenti circolari contenute nel Registro elettronico“.

L’Istituto carignanese si è quindi dimostrato pronto ad affrontare l’emergenza, dando continuità all’anno scolastico, “ovviamente nella speranza che quanto prima possibile, si possa tornare alla normalità, umana e scolastica”.