Carignano, cittadinanza onoraria al milite ignoto

831

Il Comune di Carignano riconosce simbolicamente e commemora il milite ignoto a cui conferisce la cittadinanza onoraria. Il gesto in attesa del 4 novembre, data in cui si celebrerà il centenario della traslazione e della tumulazione del soldato all’Altare della Patria di Roma.

milite ignoto Carignano
L’altare della Patria con monumento al milite ignoto, a Roma (foto: Renzo Ferrante – Wikimedia Commons)

Come già stabilito in altri Comuni del Carmagnolese come Villastellone, anche la città di Carignano conferisce la cittadinanza onoraria al milite ignoto. L’atto è avvenuto nel corso dell’ultimo Consiglio comunale e ha ricevuto voto favorevole da tutti i membri dell’Assemblea.

Questo gesto simbolico commemora e celebra l’insieme dei caduti in guerra mai identificati, in particolare del primo conflitto mondiale, che ha sacrificato la propria vita per la patria e che, come descritto nel decreto regio del 1921, è “degno figlio di una stirpe prode e di una millenaria civiltà, resistette inflessibile nelle trincee più contese, prodigò il suo coraggio nelle più cruente battaglie e cadde combattendo senz’altro premio sperare che la vittoria e la grandezza della Patria“.

L’iniziativa a cui il Comune ha aderito è stata proposta dal Gruppo Medaglie d’Oro al Valor Militare d’Italia in collaborazione con l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani in occasione del centenario della traslazione del soldato ignoto tenutasi all’Altare della Patria di Roma il 4 novembre 1921.

Nicco: “la Regione Piemonte renda merito agli Alpini”