Carmagnola aderisce al progetto “Sentiero del Maira”

1538

Il Comune di Carmagnola ha aderito al progetto “Sentiero del Maira”, percorso escursionistico che segue il fiume, unendo montagna, collina e pianura, tra Cuneese e Torinese.

Carmagnola Sentiero del Maira
Il Comune di Carmagnola ha aderito al progetto “Sentiero del Maira” [immagine di repertorio]
Il Comune di Carmagnola ha dato la propria adesione al progetto “Sentiero del Maira”, percorso escursionistico che, seguendo il fiume, collega la Val Maira, nelle Alpi cuneesi, fino alla confluenza con il Po, in pianura, nei pressi di Moncalieri.

Si tratta di un percorso già attivo una ventina di anni fa, oggi in parte ancora esistente e in parte in corso di ripristino grazie ai volontari della Compagnia del Buon Cammino -spiega il consigliere comunale Filiberto Alberto, che ha seguito il progetto per conto dell’Amministrazione Gaveglio- Ora lo si vuole rimettere in piedi e potenziare, unendo pianura, collina e montagne, per offrire un’ulteriore possibilità di mobilità dolce a chi intende scoprire questo angolo di Piemonte“.

Inaugurato ufficialmente il nuovo bivacco Carmagnola in Val Maira

Il Sentiero del Maira si snoda per circa 90 chilometri lungo i diversi territori toccati dal fiume -tra cui anche Racconigi e Casalgrasso- ed è percorribile sia a piedi che in bicicletta, preferibilmente in primavera o in autunno.

Il tracciato segue strade bianche o secondarie, in campagna, con ridotti passaggi sulla viabilità principale. “In questi ultimi casi, grazie all’attenzione dei Comuni, stiamo cercando soluzioni alternative, provvedendo in ogni caso alla messa in sicurezza per i pedoni e i ciclisti“, spiega Alberto.

Al momento è segnalato tramite tracce GPS, anche se l’intenzione è di rendere ancora più evidente il percorso grazie a cartelli e paline informative, a supporto degli amanti della bicicletta e dei cammini a piedi.

Atlante digitale dei Cammini d’Italia: una rete di percorsi per viaggiare in modo lento

In questo periodo di pandemia, sono molte le persone che hanno riscoperto il turismo slow, anche all’interno della propria Regione -aggiunge il consigliere carmagnolese- L’obiettivo che ci poniamo, come Amministrazione, è anche quello di creare un indotto economico intorno a questo percorso, dandogli struttura, visibilità e promozione adeguate“.

Il Comune di Carmagnola punta anche all’integrazione del Sentiero del Maira con gli altri percorsi naturalistici e di mobilità dolce già presenti sul proprio territorio, a partire dal Bosco del Gerbasso e dai laghi di cava.

La nostra città è sempre stata caratterizzata dall’essere un crocevia, snodo e punto di passaggio e incontro, in cui si univano vie e rotte commerciali -conclude Filiberto Alberto- Il fatto che un percorso di questo genere passi nuovamente da Carmagnola rappresenta una piacevole continuità con il nostro passato, oltre a essere una bella opportunità per il nostro territorio, da vivere in modo diverso“.

Si amplia e cresce il Bosco del Gerbasso a Carmagnola