Carmagnola: restaurato il campanile della chiesa della Misericordia

949

Sono stati completati i lavori per il restauro del campanile della chiesa della Misericordia, in piazza Garavella a Carmagnola. La Confraternita: “dopo quasi 50 anni si è avverato un sogno”.

campanile misericordia carmagnola
Il campanile della chiesa della Misericordia di Carmagnola, appena restaurato (foto di Cosimo De Santis)

La Confraternita della chiesa della Misericordia (o di San Giovanni Decollato), in piazza Garavella a Carmagnola, annuncia il completamento dei lavori di restauro dello storico campanile, con un testo inviato dal vice-rettore, Michele Becchio:

Correva l’anno 1975 e, come si evince dagli archivi confraternitali, gli Amministratori dell’epoca deliberarono di restaurare la torre campanaria. Per la cronica mancanza di fondi richiesero agli organi preposti l’autorizzazione ad alienare alcuni beni mobili di pregevole fattura di proprietà del Sodalizio; fortunatamente fu loro negato l’assenso e il patrimonio artistico della Congregazione non subì alcun depauperamento. Un secondo tentativo è documentato all’inizio degli anni Duemila, ma sempre per la mancanza di vil pecunia anche questo volenteroso intento non ebbe esito positivo.

L’attuale Consiglio direttivo, dopo il restauro dell’organo, della facciata su piazza Garavella e di quella su via Gardezzana, all’inizio di quest’anno decise, con una buona dose di incoscienza, di intraprendere il restauro conservativo del campanile: impegno rivelatosi complicato dal punto di vista logistico, ma soprattutto assai gravoso sotto l’aspetto finanziario.

In primavera parte il restauro della chiesa di Sant’Agostino a Carmagnola

Il manufatto ha una forma abbastanza inconsueta, essendo ottagonale, ed è una pregevole opera del Settecento. La tradizione vuole che nel sito in cui è costruita la chiesa, donato dalla Municipalità il 12 aprile 1614, sorgesse il primo palazzo comunale e che la torre campanaria si innesti su quanto rimane della prima torre civica.

Sento il dovere, anche a nome degli altri Amministratori, di ringraziare coloro che hanno collaborato a concretizzare questo sogno: la Soprintendenza Belle Arti di Torino, per la sollecitudine con cui ha celermente autorizzato la pratica; la civica Amministrazione e gli uffici preposti per la preziosa collaborazione; la ditta Ecolav per aver redatto, a titolo gratuito, il piano di sicurezza; l’architetto Domenico Liotti, direttore dei lavori; la ditta edile F.lli Franco di Casalgrasso, le ditte carmagnolesi F.lli Osella, Franco Silvestro e idraulica Baretta e i benefattori che ci hanno economicamente supportato.

La perizia, la dedizione e la cura con cui è stato eseguito l’intervento hanno portato all’ottimo risultato che tutti possiamo ammirare. E non potevamo non completare l’opera di restauro esterno; per cui, anche grazie al munifico contributo ottenuto dalla Fondazione Crt tramite il bando “Cantieri diffusi 202”1, nella prossima primavera inizieranno i lavori di restauro conservativo dell’immobile prospiciente via Valobra.

La Misericordia nelle “Giornate di Primavera” del FAI