Piazza Garavella, Gaveglio: “le varie esigenze devono coesistere”

874

Il sindaco di Carmagnola, Ivana Gaveglio, si inserisce nel dibattito sul futuro di piazza Garavella: “le varie esigenze devono coesistere”.

Piazza Garavella Carmagnola
Piazza Garavella chiusa al traffico dopo l’intervento di riqualificazione, per consentire l’assestamento della nuova pavimentazione

Il futuro di piazza Garavella, nel centro storico di Carmagnola, è al centro del dibattito pubblico cittadino: sul tema, in particolare per quanto riguarda la possibile pedonalizzazione, interviene direttamente il sindaco, Ivana Gaveglio.

Preciso che il progetto di riqualificazione non prevede la chiusura della viabilità: il passaggio veicolare, pertanto, sarà riaperto come prima -chiarisce da subito il Primo Cittadino- In particolare i tempi di assestamento della nuova pavimentazione hanno generato un intenso dibattito e qualche fraintendimento“.

Piazza Garavella riaprirà al traffico “ma ragioniamo su un’area pedonale”

Gaveglio specifica quindi che la sua Amministrazione, con questo progetto, ha inteso iniziare il percorso previsto nel Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS) di “moderazione del traffico” nel centro storico, “privilegiando le funzioni propriamente urbane rispetto al mero passaggio di veicoli“.

Si tratta di creare zone in cui la piazza e la strada non siano solo spazi dove circolano veicoli motorizzati, ma aree che possono essere condivise da utenti diversi -spiega il sindaco- Piazza Garavella è un esempio di come tante esigenze devono coesistere, in un’ottica più equilibrata e nel massimo rispetto reciproco: il transito, le soste, le aree mercatali, il passeggio, il dehor, la sicurezza e la tranquillità dei residenti“.

Carmagnola Insieme: “Piazza Garavella pedonale, non perdiamo questa occasione”

Non manca una risposta diretta alle parole del centrosinistra, che nei giorni scorsi, in un comunicato stampa, aveva parlato di “un’occasione persa”. “Quella lettura è una provocazione pre-elettorale -replica Gaveglio- Il progetto di piazza Garavella, invece, rappresenta proprio il modo di lavorare di questa Amministrazione, con una progettualità a lungo termine senza imposizioni. Ne sono esempi la chiusura di parte di piazza Sant’Agostino, che ha reso l’area davvero magnifica; la pavimentazione di largo Vittorio Veneto con una distribuzione più funzionale degli spazi; la riqualificazione dei marciapiedi di via Chiffi e di via Fratelli Vercelli con l’abbattimento delle barriere architettoniche“.

Conclude il sindaco: “Questi lavori permetteranno ai carmagnolesi di assaporare il piacere di vivere un centro storico più bello e più funzionale e di ritrovare la voglia di stare insieme all’aperto, dopo il superamento delle limitazioni del lockdown“.

Carmagnola, arriva il Pums: niente sosta a pagamento, sì a bici e Zone 30