Eduscopio 2019: il “Baldessano-Roccati” di Carmagnola ancora al top

393

Pubblicati i risultati dello studio Eduscopio 2019 della Fondazione Giovanni Agnelli: il polo superiore carmagnolese risulta il migliore del territorio per quanto riguarda il liceo scientifico; ottime performance anche per liceo classico e istituto tecnico-economico.

Eduscopio 2019 Liceo Baldessano Roccati
I nuovi locali del liceo “Baldessano Roccati” di Carmagnola

Il “Baldessano-Roccati” si conferma tra le migliori scuole del Piemonte, stando all’analisi fatta dallo studio Eduscopio 2019, che giunge quest’anno alla sua sesta edizione e valuta l’efficacia dei percorsi di studi superiori in relazione ai risultati universitari o all’inserimento nel mondo del lavoro.

Eduscopio.it è infatti un portale che offre gratuitamente informazioni oggettive e comparabili sulla qualità dei percorsi di istruzione secondaria di II grado di tutta Italia ed è ormai diventato un riferimento prezioso per gli studenti delle scuole medie e le loro famiglie, con oltre un milione e mezzo di utenti che lo hanno utilizzato negli anni.

Per realizzare Eduscopio 2019, i ricercatori della Fondazione Agnelli hanno analizzato i dati di circa 1,25 milioni di diplomati italiani in tre successivi anni scolastici (dal 2013/2014, al 2015/2016) in circa 7.300 indirizzi di studio nelle scuole secondarie di II grado statali e paritarie.

Due i percorsi di analisi: per licei ed istituti tecnici viene valutata la capacità nel preparare e orientare gli studenti in vista degli studi universitari (tenendo conto della media dei voti e dei crediti ottenuti dagli studenti una volta all’Università); per gli istituti professionali, invece, vengono valutati i dati relativi all’ingresso nel mondo del lavoro.

Eduscopio 2019
Eduscopio 2019

Per garantire confronti appropriati e fornire informazioni rilevanti e utili alle scelte delle famiglie e all’autovalutazione degli istituti, il sito eduscopio.it realizza una comparazione diretta tra scuole dello stesso tipo o scuole localizzate in territori relativamente circoscritti, in un raggio massimo di 30 chilometri dalla propria residenza

L’istituto superiore di Carmagnola “Baldessano Roccati” ha ottenuto punteggi FGA -la valutazione globale a cura della Fondazione- tra i più alti di tutta la Provincia di Torino e dell’intero Piemonte, con brillanti risultati per chi intende proseguire i propri studi a livello universitario.

Andando nel dettaglio dei risultati di Eduscopio 2019, queste le performance del polo scolastico carmagnolese rispetto ai risultati universitari.

Nell’arco di 30 chilometri dalla città, includendo quindi anche Torino, il “Baldessano – Roccati” è infatti al primo posto assoluto tra i licei scientifici: 84,7 di punteggio globale FGA (+3,7 punti rispetto al 2018), media voti del 28,31, oltre 83 crediti ottenuti e 72% degli studenti in regola.

Cavallari Eduscopio 2019 ph Francesco Rasero per Il Carmagnolese
La dirigente scolastica del “Baldessano Roccati” di Carmagnola,

Buona anche la performance del liceo classico, al terzo posto dietro al Bodoni di Saluzzo e all’Arimondi-Eula di Savigliano (scavalcato dal quest’ultimo rispetto allo scorso anno): punteggio FGA globale di 83,4 (+4,2 punti rispetto al 2018), media voti del 28,13, anch’essa in crescita, oltre 82 crediti ottenuti ma solo il 56% degli studenti in regola

In “Top Five” locale anche tra le scuole a indirizzo tecnico-economico, seppur con dati più bassi: 55,5 il punteggio globale, 24,28 la media voti, 58 i crediti ottenuti e 42% di studenti in regola. Davanti al “Baldessano – Roccati” si posizionano il Denina di Saluzzo, l’Einaudi di Alba, il Vittone di Chieri e l’Arimondi-Eula di Savigliano.

Da segnalare, infine, il secondo posto dell‘istituto salesiano “Don Bosco” di Lombriasco per quanto riguarda invece l’indirizzo tecnico-tecnologico.

Per quanto riguarda l’inserimento lavorativo, invece, l’indirizzo tecnico-economico del “Baldessano – Roccati” fa registrare un 54% di occupati al termine degli studi, ma solo il 12% con professioni coerenti rispetto all’indirizzo scelto e una percentuale di diplomati in regola sotto il 42%.
Risultati analoghi per l’indirizzo professionale-servizi, con il 47% di occupati e il 31% che lavora in settori legati agli studi; uno su due i diplomati in regola.

Eduscopio 2019 si avvale dei dati amministrativi relativi alle carriere universitarie e lavorative dei singoli diplomati raccolti dai Ministeri competenti. A partire da queste informazioni vengono costruiti degli indicatori rigorosi, ma allo stesso tempo comprensibili a tutti, che consentono di comparare le scuole in base ai risultati raggiunti dai propri diplomati.

L’analisi indica anche che, in media, sono gli studenti che provengono dalle scuole che non praticano una severa politica di scrematura quelli che ottengono risultati migliori una volta all’università, “a conferma che efficacia formativa ed equità possono andare di pari passo“, sottolineano i ricercatori.