A nuovo i giardini della Posta, contro il degrado

502

Il Movimento 5 Stelle chiede di fronteggiare il degrado nell’area dei giardini della Posta; l’amministrazione presenta un piano di riqualificazione per le giostre e l’area verde e annuncia maggiori controlli nel periodo estivo.

 

giardini della posta ph. Google Street View

Restyling in vista per i giardini della Posta, l’area verde (con giochi per bambini) di viale ex Internati, dietro la sede centrale di Poste Italiane a Carmagnola.

A luglio verranno infatti aperte le buste con le offerte per la gara indetta dal Comune, con una base d’asta di 56 mila euro.
Prevediamo il completo rinnovamento di tutta l’area -annuncia l’assessore ai lavori pubblici, Alessandro Cammarata- Verranno sostituiti gli attuali giochi non a norma con nuove giostre per i bambini, inserendo anche una pavimentazione morbida in quell’area, per evitare che si facciano male cadendo. I lavori riguarderanno poi tutti i giardini della Posta, con il rinnovamento degli spazi interni, dei camminamenti e dei cordoli; una nuova fontanella; la riqualificazione dell’illuminazione pubblica“.

Il progetto comunale andrà anche nell’ottica di rendere più piacevoli e sicuri i giardini della Posta. “Maggior luce significa maggior sicurezza, così come un’area messa a nuovo favorisce la frequentazione da parte delle famiglie anziché da parte di soggetti nullafacenti“, sottolinea Cammarata, che in Consiglio ha risposto a un’interpellanza del Movimento 5 Stelle proprio in merito al degrado dell’area.

Proprio i consiglieri pentastellati Sergio Grosso e Alberto Mastrototaro avevano sollecitato interventi per fronteggiare “il problema dovuto alla presenza di personaggi sgradevoli, che impediscono di fatto utilizzo di giochi e parco da parte di bambini e cittadini, anche con atteggiamenti molesti“.

Su questo tema è intervenuto il sindaco, Ivana Gaveglio: “Dal punto di vista della sicurezza, continuiamo a monitorare situazione con intervento sinergico quotidiano di polizia municipale e carabinieri, sia ai giardini della Posta che nelle altre aree verdi cittadine -ha dichiarato- C’è una specifica ordinanza in cui si vieta di bivaccare e bere in questi posti: in estate intensificheremo il controllo, anche se non abbiamo forza per controllare ogni angolo del territorio cittadino contemporaneamente“.