In arrivo il bike sharing per andare alla scoperta di Carmagnola e dintorni

217

Il Ministero dell’Ambiente ha approvato un progetto del Comune di Carmagnola che permetterà la realizzazione di un punto per il bike sharing, a servizio innanzitutto dei turisti che vogliono scoprire la città e i suoi dintorni pedalando.

bike sharing carmagnola
In arrivo anche a Carmagnola le bici in bike-sharing [immagine di repertorio – foto di Sittikan Raingkun @ PxHere]
Una stazione di bike sharing -con otto biciclette a pedalata assistita e una colonnina di ricarica e manutenzione per le ebike- verrà realizzata a Carmagnola grazie a un contributo che il Comune ha ricevuto dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, nell’ambito del programma “Siti naturali UNESCO per il clima”.

Si tratta di circa 45 mila euro, destinati in gran parte all’iniziativa nata per favorire la mobilità sostenibile e rivolta innanzitutto ai turisti e a chiunque voglia visitare, pedalando, i siti di interesse naturalistico della zona, a partire dal parco del Bosco del Gerbasso.

«Il Bosco del Gerbasso come presidio contro i cambiamenti climatici»

Le gestione verrà affidata a un Ente del Terzo Settore del territorio, da individuare: esso gestirà la stazione di bike sharing, fungendo da “antenna” della Rete MAB Unesco e garantendo minori rischi di vandalizzazione dei mezzi.

Il Comune, che ha già ricevuto i fondi, sta ora avviando le procedure per affidare la gestione, studiando anche il luogo più idoneo in cui installare la rastrelliera e la colonnina di ricarica per le bici elettriche.

«Si tratta di un altro importante passo concreto che la nostra città compie verso la transizione ecologica, ma anche uno stimolo ad accogliere chi ama viaggiare in modo sostenibile», dichiara il vicesindaco Alessandro Cammarata, che aveva annunciato l’arrivo del finanziamento nel corso dell’ultima seduta del Consiglio comunale.

Pedibus e Bicibus a Carmagnola: è scontro in aula

Oltre a Carmagnola, saranno attivati altri cinque punti sul territorio dell’area collinare e fluviale del Torinese, nello specifico a Chieri, Aramengo, Settimo Torinese, Chivasso e Moncalieri.

I fondi del Ministero serviranno anche in parte a finanziare un sistema tecnologico innovativo per la prevenzione e il governo degli incendi boschivi, con un modulo scarrabile di pronto intervento antincendio che sarà dato in dotazione ai Vigili del Fuoco di Carmagnola.

Criminalità ambientale, nella Direttiva Ue nuovi reati e forti sanzioni