In arrivo nel Carmagnolese i primi 45 profughi dall’Ucraina

351

Diversi Comuni del Carmagnolese, tra cui quello di Carmagnola, hanno aderito all’iniziativa del consigliere regionale Davide Nicco a supporto profughi in fuga dall’Ucraina. I primi 45 arrivano in serata.

profughi ucraina carmagnolese
La partenza della missione a favore di 45 profughi dall’Ucraina, ideata e condotta dal consigliere Nicco, a cui hanno aderito le famiglie di svariati Comuni del Carmagnolese

E’ in corso la missione organizzata e guidata dal consigliere regionale Davide Nicco, già sindaco di Villastellone, per portare in salvo 45 profughi in fuga dalla guerra in Ucraina e assicurare loro rifugio e ospitalità presso famiglie di otto Comuni del Carmagnolese

Hanno immediatamente risposto all’appello i sindaci di Carmagnola, Carignano, Osasio, Pancalieri, Santena, Villastellone, Poirino e Trofarello, cui si aggiungeranno probabilmente nelle prossime ore San Pietro Val Lemina e Vigone.

Mondo in Cammino: aggiornamenti e raccolta fondi per l’Ucraina

L’arrivo in Piemonte è previsto per la serata di oggi, domenica 13 marzo, a Santena, nel parcheggio davanti allo stabilimento Caffè Vergnano. Qui le persone saranno immediatamente prese in carico dai diversi Comuni, che provvederanno al disbrigo delle pratiche amministrative, sanitarie e vaccinali sotto il coordinamento della Protezione Civile regionale.

È il primo caso in Piemonte di un’iniziativa organizzata con la mobilitazione diretta e coordinata di più Amministrazioni comunali -commenta Nicco, che in queste ore si trova a Lublino, in Polonia- I profughi vengono accolti e ospitati anche senza avere già congiunti o conoscenti in loco“.

Profughi dall’Ucraina, l’Asl TO5 si organizza per le vaccinazioni

Tutti i Comuni hanno già ottenuto la disponibilità di più famiglie sui rispettivi territori, pronte a garantire ospitalità alle persone coinvolte. La realizzazione dell’impresa è stata resa possibile grazie al sostegno economico offerto da un gruppo di imprese locali: Carrozzeria Schimmenti e Autonoleggio Mortara di Santena, Autocarrozzeria Safari di Villastellone, Autocar Srl di Poirino e Apgf di Nichelino.

Abbiamo raccolto oltre una quarantina di profughi messi in salvo al confine con l’Ucraina grazie all’impegno di associazioni locali, con le quali ci siamo coordinati, e temporaneamente alloggiati in centri d’accoglienza a Lublino -prosegue il consigliere regionale- Abbiamo organizzato la missione grazie alle indicazioni del console onorario di Ucraina a Torino, Dario Arrigotti, che ringrazio per la grande sensibilità e capacità operativa. Con lui un grazie anche al grande cuore dei sindaci, delle famiglie che hanno offerto immediata disponibilità a farsi carico della prima accoglienza e degli sponsor privati che hanno prontamente messo a disposizione risorse e mezzi per l’operazione“.

La Croce Verde di Vinovo dona un’ambulanza all’Ucraina

Entro 48 ore dalla registrazione presso le Forze dell’ordine, i profughi riceveranno il riconoscimento dello status di rifugiati, che dopo due mesi dal conseguimento darà loro il diritto di trovare regolare lavoro in Italia.

Non appena entrerà in funzione il sistema di accoglienza messo a punto dalla Regione Piemonte, i profughi saranno presi in carico dallo stesso, che potrà rendere disponibile anche un piccolo contributo per le famiglie ospitanti.

Rsa Sereni Orizzonti di Carmagnola: “No alla guerra in Ucraina, sì alla Pace”