La Lega Nord sceglie Paolo Sobrero come segretario

351

P5 Barbero segretario Lega (1)La sezione carmagnolese della Lega Nord ha eletto Paolo Sobrero nuovo segretario cittadino, successore di Giuseppe Quattrocchio. Originario di Volvera, divorziato, ha 44 anni e una figlia di 15; vive dal 2006 a Salsasio, insieme a Rosita Aiana. Lavora, fin da diciassettenne, come manutentore all’interno del Gruppo Fiat Auto e si dichiara “cattolico molto credente ma non troppo praticante”.

E’ un “leghista della prima ora”. «Presi la tessera addirittura ai tempi della Lega Lombarda –racconta- Poi, per diverse vicissitudini personali, mi sono allontanato alcuni anni dalla Politica, ma da quando sono venuto a Carmagnola, entrando in sezione, questa passione ha ricominciato a crescere. Ho vissuto i tempi di Bossi, Cota e oggi Salvini: non ho mai mollato, perché credo fermamente nella nostra ideologia».

Già militante da diversi anni, da tre ricopre il ruolo di segretario amministrativo della sezione. Ora, grazie alla fiducia degli altri militanti leghisti, è chiamato a esporsi ancor più in prima persona: «Oltre a portare avanti la nostra linea politica sul territorio, vorrei ampliare la sezione con nomi e volti nuovi, riavvicinando i giovani alla politica e riuscendo ad interagire con i cittadini, per renderli partecipi nell’esporre le loro idee e presentando loro le nostre».

L’elezione a segretario cittadino coincide anche, nei tempi, con l’imminenza di una campagna elettorale per la poltrona di sindaco, una corsa i cui confini sono ancora in gran parte dal delineare. «E’ presto per parlare di candidature o alleanze, anche se ovviamente abbiamo già iniziato a confrontarci internamente e con tutto il centro-destra carmagnolese –afferma– Credo che serva innanzitutto un programma realistico e realizzabile, basato sull’affrontare le problematiche delle persone. Dovremo quindi trovare una persona capace e a tempo pieno, che creda in quello che fa e capisca il ruolo che va a ricoprire. Oggi, infatti, non serve più un sindaco “che stringe le mani” e vive al di sopra di tutti, ma qualcuno che sappia rimboccarsi le maniche e lavorare sodo, con grande umiltà».

Piergiorgio Sola