La Petronas a Santena, tra i campioni e la sostenibilità ambientale

902

Campione del mondo con la scuderia Mercedes, la Petronas, che ha il centro di ricerca a Santena, si adopera per favorire la sostenibilità ambientale.

petronas villastellone
La Petronas, campione del mondo insieme alla scuderia Mercedes, mette in evidenza il suo interesse per la sostenibilità ambientale

La Petronas Lubricants International, società che ha in Santena un suo centro di ricerca internazionale, coniuga il suo successo in ambito sportivo con l’attenzione nei confronti della sostenibilità ambientale.

L’impresa, che si classifica tra le prime dieci aziende produttrici di lubrificanti al mondo, è di recente diventata campione del mondo di Formula 1 insieme alla scuderia Mercedes, di cui è sponsor dal 2009.

Questo successo è dovuto alla grande squadra di chimici e ingegneri meccanici che Petronas vanta: si tratta di una équipe sempre pronta ad analizzare i fluidi e le nuove tecnologie e a studiare le combinazioni più favorevoli per garantire la migliore performance possibile delle macchine.

Dietro l’ennesimo successo di Lewis Hamilton e della sua scuderia F1, si cela quindi la volontà di Petronas di essere una società leader nel settore, con una tecnologia all’avanguardia per lo sviluppo di olii su misura.

Il grande incremento delle performance dei piloti della Formula 1 ha portato l’azienda a instaurare una collaborazione diretta con la Moto GP, accompagnando sui circuiti anche i piloti motociclistici, come Franco Morbidelli e Fabio Quartararo della scuderia Yamaha.

La Petronas Lubricants International non si propone però solo come un’azienda destinata esclusivamente ai piloti: si dedica infatti anche alla produzioni di olii e lubrificanti di veicoli presenti nella vita quotidiana della maggior parte dei cittadini, di macchine agricole e di movimento terra, cercando di stare sempre al passo con le innovazioni.

Nello specifico, con la diffusione sempre maggiore dei veicoli elettrici, l’impresa ha deciso di far entrare in scena i fluidi iona nel settore automobilistico, testimoniando anche un’attenzione particolare alla sostenibilità ambientale.

A questo proposito, la Petronas, consapevole dell’impatto che i lubrificanti e gli olii possono avere sull’ambiente, dichiara di concentrarsi sia sugli effetti del loro uso sulla natura sia sul modo in cui vengono prodotti, investendo il 75 per centro della Ricerca e Sviluppo nella riduzione delle emissioni di anidride carbonica.

L’organizzazione del webinar intitolato “Electric Vehicle Fluids” relativo ai fluidi impiegati nei veicoli elettrici è un’altra prova concreta dell’interesse ambientale.

Durante l’evento, avvenuto lo scorso novembre, l’amministratore delegato Giuseppe D’Arrigo, ha commentato: “Sebbene il cambiamento possa essere una sfida, noi di Petronas Lubricants International crediamo nel nostro impegno e lo vediamo come un’opportunità per continuare a proporre nuove soluzioni e superare i limiti” -e ha aggiunto- “l’innovazione dei nostri prodotti è guidata da un comune denominatore: la sostenibilità, e questo ci spinge a continuare a sfruttare le nostre esclusive Fluid Technology Solutions per far crescere il settore della mobilità elettrica in funzione di un domani più pulito e sostenibile”.