Il Lions e il Leo Club Carmagnola per l’ospedale San Lorenzo

470

Il Lions e il Leo Club Carmagnola per l’ospedale San Lorenzo, con donazioni di materiali, apparecchiature e denaro: “insieme ce la faremo”.

lions club carmagnola per ospedale San Lorenzo
I tre monitor donati dal Lions Club Carmagnola all’ospedale San Lorenzo

“Dove c’è bisogno, lì c’è un Lions”: ad avere un estremo bisogno, in questo tragico momento di emergenza sanitaria a causa del Covid-19, è l’ospedale San Lorenzo.
Così il Lions Club Carmagnola, ottemperando alla propria “mission”, ha fatto fronte ad alcune delle impellenti necessità del nosocomio cittadino.

Dapprima ha donato cento tute protettive idrorepellenti da destinare al personale sanitario; poi, insieme al Lions Club Carignano-Villastellone, ha effettuato un versamento in denaro per sostenere l’Asl TO5.

Il Lions Club Carmagnola, congiuntamente al Leo Club Carmagnola, ha inoltre provveduto, all’acquisto di tre “spot check monitor” sempre per l’ospedale carmagnolese, dal valore di 9.500 euro.

Emergenza Covid-19, fondi e apparecchiature in dono all’Asl TO5

Grazie ai colloqui avuti con le dottoresse Silvia Testa ed Elisa Berruto, era infatti emersa l’esigenza di dotare la struttura di tale strumentazionespiega Ilaria Curletti, vice presidente del sodalizio carmagnolese– Essa consente di visionare l’acquisizione dei parametri di routine, il monitoraggio e la personalizzazione degli scores dei pazienti. Inoltre è utilizzata per l’integrazione della cartella clinica elettronica che permette ai clinici di accedere immediatamente alle informazioni desiderate”.

Gli spot check monitor, già in funzione nei reparti dell’ospedale dai giorni di Pasqua, sono dispositivi che danno anche la possibilità agli operatori di lavorare in sicurezza.
Non si deve infatti dimenticare che è fondamentale sostenere e tutelare il personale sanitario che, con dedizione e professionalità, si occupa, quotidianamente, di preservare la salute della Comunità e al quale è giusto nonché assolutamente doveroso esprimere un’infinita riconoscenza“.