Nicco, in parlamento una proposta per semplificare la contabilità dei piccoli Comuni

223

È stata approvata dal Consiglio Regionale la proposta di legge ideata da Davide Nicco, ex sindaco di Villastellone, sulla semplificazione della contabilità dei piccoli Comuni.

archivio storico villastellone
Il consigliere regionale Davide Nicco, ex sindaco di Villastellone

Nei giorni scorsi il Consiglio Regionale del Piemonte ha approvato la proposta di legge nazionale al Parlamento, ideata dall’ex sindaco di Villastellone e consigliere regionale Davide Nicco, che, una volta presa in esame e approvata dalle Camere, consentirà a tutti i Comuni d’Italia al di sotto dei 5 mila abitanti di adottare un modello semplificato di contabilità finanziaria.

Questo modello si basa sul criterio della sola cassa e rappresenterà un enorme vantaggio nella semplificazione burocratica della contabilità pubblica. La proposta di legge, targata Davide Nicco, è stata ispirata dalla sua esperienza professionale come dottore commercialista e revisore contabile e dalla sua esperienza amministrativa come sindaco del Comune di Villastellone.

Un bilancio sul Daspo urbano contro la prostituzione stradale a Villastellone

Nicco ha dichiarato: “La nostra Costituzione prevede all’art. 121 che ogni Consiglio regionale possa presentare proposte di legge alle Camere. Ho chiesto così al Consiglio Regionale del Piemonte di avvalersi di questa prerogativa, per proporre al Parlamento di affrontare con un provvedimento legislativo nazionale un problema vissuto da tanti piccoli Comuni in tutta Italia: la possibilità di adottare una gestione più semplice della contabilità pubblica che – garantendo sempre la più ferrea trasparenza e l’assoluto rispetto delle normative europee e nazionali in materia – introduca, senza grossi stravolgimenti normativi, una possibilità già prevista dal quadro attuale: la possibilità, cioè, di semplificare ulteriormente le procedure burocratiche”.

La proposta, approvata dal Consiglio Regionale del Piemonte, proseguirà il proprio iter verso le Camere, attraverso un percorso di consultazioni con l’Associazione Piccoli Comuni Italiani ed altri tavoli istituzionali nazionali.

Nicco: «più fondi ai Comuni per sostenere la raccolta differenziata dei rifiuti»